Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:PIOMBINO23°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 25 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il missile russo è un boomerang: torna indietro dopo il lancio e si schianta al suolo

Attualità lunedì 10 febbraio 2020 ore 09:20

Un giorno per ricordare l'esodo giuliano dalmata

Foto di archivio

Il Giorno del Ricordo, istituito nel 2004, mira a conservare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe e dell'esodo



PIOMBINO — Il 10 Febbraio è il Giorno del Ricordo, una giornata istituita nel 2004 con l’obiettivo di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. La data prescelta è il giorno in cui, nel 1947, furono firmati i trattati di pace di Parigi, che assegnavano alla Jugoslavia l’Istria, il Quarnaro, Zara e gran parte del Venezia Giulia, in precedenza facenti parte dell'Italia.

A Piombino giovedì 13 febbraio alle ore 16 il Comune ha organizzato, insieme a Istoreco Livorno, un incontro all'Archivio storico cittadino dal titolo Partenze e approdi: l'Alto Adriatico e l'esodo giuliano/dalmata

L’incontro sarà introdotto da Catia Sonetti, direttrice di Istoreco Livorno, a cui seguiranno gli interventi del sindaco Francesco Ferrari, di Enrico Miletto, docente dell'Università di Torino e ricercatore presso l’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea Giorgio Agosti, e di Sergio Pasquali dell’associazione nazionale Venezia Giulia Dalmazia provincia di Livorno.

Il Comune di Suvereto ha riportato sulla pagina Facebook istituzionale le parole del presidente Mattarella: "Alle vittime di quella persecuzione, ai profughi, ai loro discendenti, rivolgo un pensiero commosso e partecipe. La loro angoscia e le loro sofferenze non dovranno essere mai dimenticate. Esse restano un monito perenne contro le ideologie e i regimi totalitari che, in nome della superiorità dello Stato, del partito o di un presunto e malinteso ideale, opprimono i cittadini, schiacciano le minoranze e negano i diritti fondamentali della persona. E ci rafforzano nei nostri propositi di difendere e rafforzare gli istituti della democrazia e di promuovere la pace e la collaborazione internazionale, che si fondano sul dialogo tra gli Stati e l’amicizia tra i popoli".

Parole ricordate anche attraverso i canali social del Comune di San Vincenzo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sindaca Ticciati: “Ferrari rinnega le ragioni della condivisione strappando il nostro passato più bello e il disegno per lo sviluppo futuro”
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità