QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 16°24° 
Domani 16°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 21 settembre 2019

Attualità mercoledì 27 aprile 2016 ore 17:16

Ecco il nuovo quadro per le imposte 2016

In consiglio comunale gli assessori Camberini e Chiarei hanno tratteggiato le tariffe e le aliquote per le tasse che saremo chiamati a pagare



PIOMBINO — In consiglio comunale sono stati discussi il rendiconto del bilancio 2015 e le nuove aliquote delle imposte (Iuc, Imu, Tasi e Tari), definendo le linee fondamentali della politica economica e finanziaria del Comune per il 2016.

Le prime due delibere hanno riguardato l’approvazione dei bilanci 2015 delle società partecipate di maggioranza (Asiu, Atm, Parchi Val di Cornia, Società gestione farmacie, Piombino patrimoniale) e il nuovo regolamento dell’Imposta Unica Comunale (Iuc) relativo all’applicazione dell’Imu, Tasi (Tributo sui Servizi indivisibili e della Tassa sui Rifiuti).

Come ha spiegato l'assessore Ilvio Camberini, il nuovo regolamento dell’Imposta Unica Comunale è stato introdotto per consentire un adeguamento alla nuova normativa che prevede la soppressione della Tasi sulla prima casa, ad eccezione degli appartamenti di lusso (categorie catastali A/1, A/8, A/9), per venire incontro ad alcune esigenze dei cittadini, e per correggere alcuni refusi esistenti nel vecchio testo. E' diminuita la Tari per le utenze delle seconde case al fine di agevolare il turismo.

Sempre in tema di casa, è stata approvata anche la delibera sulle nuove aliquote Imu e Tasi con altre modifiche significative. Per le abitazioni affittate con affitti concordati l’aliquota si attesta al 5,5 per mille, l’aliquota sale al 9,5 per mille per le unità immobiliari affittate con tutti gli altri contratti di affitto regolarmente registrati. Le seconde case che sono invece concesse in uso gratuito a parenti entro il secondo grado del titolare viene stabilita al 7,5 per mille. Prevista comunque una riduzione del 50 per cento per le abitazioni concesse in comodato ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che colui che concede il comodato possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nello stesso Comune. Confermata al 10,6 per mille invece i fabbricati sfitti.

Un lieve aumento sarà registrato invece per la Tari per la quale varranno sempre le esenzioni per reddito di cui potranno beneficiare tutti i cassintegrati e i lavoratori monoreddito. Come spiegato dall'assessore Marco Chiarei, l'aumento è dovuto all’attivazione di servizi aggiuntivi da parte di Sei Toscana e di nuovi investimenti come l'acquisto di nuovi mezzi, la raccolta domiciliare dei rifiuti ai Ghiaccioni e l'attività di derattizzazione e prevenzione massiccia contro le zanzare, il taglio dell'erba sui marciapiedi e la rimozione delle foglie con interventi a chiamata.

Le delibere sono state approvate con il voto favorevole dei gruppi di maggioranza (Sinistra per Piombino, Spirito Libero e PD); contrari Rifondazione Comunista, Ferrari sindaco Forza Italia, Un’Altra Piombino e Movimento 5 Stelle, a parte l’astensione di quest’ultimo gruppo per l’approvazione del bilancio della Società delle Farmacie.



Tag

Conte arriva ad Atreju con il figlio: «Sono anche un papà ed è il mio turno... dove lo lascio?»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca