Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:PIOMBINO18°24°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 17 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Zelensky collegato a sorpresa alla cerimonia di apertura del Festival Cannes

Attualità venerdì 11 dicembre 2020 ore 22:23

“Colmare un vuoto di imprenditorialità privata”

Gianni Anselmi

Il consigliere regionale Anselmi ha partecipato alla videoconferenza per il piano industriale e di investimento di Jsw Steel Italy



PIOMBINO — L’incontro in videoconferenza convocato dal Ministero per lo sviluppo economico per fare il punto sul piano industriale e di investimento di Jsw Steel Italy ha visto la partecipazione anche del presidente Eugenio Giani e del consigliere delegato Gianni Anselmi.

Erano convocati anche il Comune di Piombino e le organizzazioni sindacali.

Pur comprendendo le più che legittime preoccupazioni sindacali sui tempi, Anselmi nel suo intervento ha sottolineato le parole ascoltate dal ministro circa la rilevanza strategica di Piombino, tanto quanto quella di Taranto; la volontà del Governo di seguire anche lo sviluppo logistico portuale e la fornitura di rotaie a Rfi; la necessità di scelte definitive sugli assetti societari entro Natale 2020, rispetto alle quali Invitalia sarà chiamata a contribuire con quanto servirà a rendere esecutivo il piano industriale messo a punto dal vice-presidente di Jsw Steel Italy Piombino, Marco Carrai.

“E’ chiaro – ha sottolineato Anselmi – che ci troviamo di fronte a una situazione in cui lo Stato è chiamato a colmare un vuoto di imprenditorialità privata, che permane dal 2008, superabile solo tramite un’evoluzione complessiva del sito siderurgico, industriale e portuale, con al centro la ripresa della produzione di acciaio e al contempo una diversificazione produttiva in attività ad essa complementari”.

Il consigliere si è spinto oltre, chiedendo comunque l’intervento pubblico - “anche nel caso in cui il privato non fosse disponibile a procedere” - nella misura in cui “ne va della realizzazione di un’infrastruttura produttiva per l’acciaio strategica per il Paese e che non può essere lasciata solo in mano alle convenienze contingenti degli operatori del mercato”.

“L’ingresso di Invitalia nella società controllata dal Gruppo Jsw, ha concluso Anselmi, è inoltre funzionale a una visione di politica industriale, tesa a riattivare una filiera produttiva interrotta per scelte industriali private, ovvero la fornitura di vergella da Piombino alla Bekaert su Figline Valdarno, altra vicenda che può essere rilanciata solo con un ingresso iniziale del pubblico, affiancando un investitore privato e con il possibile concorso di strumenti regionali”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In pochi giorni raccolti quasi duemila euro grazie alla raccolta fondi avviati dagli amici del ragazzo dopo i traumi riportati nell'incidente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Sport

Attualità