Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:49 METEO:PIOMBINO25°32°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 08 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Letta-Calenda, divorzio sconcertante. E cosa può fare ora il segretario del Pd?

Cronaca venerdì 01 aprile 2016 ore 19:16

Nessun altro indagato per le morti in rianimazione

L'Azienda ha esternato la volontà di incontrare i familiari delle vittime per chiarimenti. Chiesero accertamenti anche al centro di Careggi



PIOMBINO — Il giorno dopo la notizia dell'arresto dell'infermiera accusata di aver ucciso 13 pazienti somministrando elevate dosi di anticoagulante, la direzione dell'Azienda Usl Toscana Nord Ovest comunica di aver contattato telefonicamente tutte le famiglie dei pazienti deceduti nel reparto di Rianimazione dell'ospedale di Piombino riconducibili all'indagine in corso. 

Le famiglie, inoltre, riceveranno anche una lettera a firma del direttore dell'ospedale in cui si offre la disponibilità per un incontro volto a garantire trasparenza e collaborazione. I medici del reparto di Rianimazione di Villamarina non si spiegavano le ragioni di alcuni decessi e per quattro casi  hanno contattato il laboratorio di malattie atero-trombotiche dell'ospedale di Careggi a Firenze e dalle analisi di secondo livello hanno individuato la presenza di anticoagulanti.

Nel frattempo si succedono le ricostruzioni dei familiari che dopo lo choc della notizia, raccolgono le forze e ripercorrono quei giorni; il ricovero, la tracheotomia e, come racconta la moglie di Angelo Ceccanti, un'emorragia inspiegabile che ha portato l'uomo alla morte. 

Nella stessa giornata ha parlato anche il legale di Fausta Bonino, Cesarina Barghini, che ha fatto sapere che attualmente l'unico indizio contro di lei è la presenza in reparto in concomitanza dei decessi. Il 4 aprile si svolgerà l’interrogatorio di garanzia davanti al gip di Livorno, solo allora emergerà la versione dell’infermiera. La Procura spiega che attualmente non ci sono altri indagati e non è stato rilevato alcun elemento di responsabilità delle strutture sanitarie. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Alla riunione per la firma erano presenti solo i consiglieri di maggioranza Atzeni e il consigliere di Rifondazione Callaioli che ha fatto il punto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

RIGASSIFICATORE

Attualità