Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO19°24°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Un governo che cerca di non far danni è già molto, ma non basta». Applausi dalla platea

Lavoro martedì 25 maggio 2021 ore 17:00

Liberty Magona, "unica salvezza la vendita"

Dopo l'incontro tra le organizzazioni sindacali e la direzione aziendale è emersa una unica soluzione per il futuro di stabilimento e dipendenti



PIOMBINO — Si è tenuto questa mattina l’atteso incontro con la direzione aziendale di Liberty Magona e le organizzazioni sindacali provinciali di Fim, Fiom e Uilm. Presenti all’incontro oltre le tre segreterie provinciali, e dei coordinatoti, l’amministratore delegato Giovanni Carpino e il dottor Lino Iallorenzi. Dall’incontro sono emerse ulteriori preoccupazioni in aggiunta a quelle già espresse dalle Rsu e dalle organizzazioni sindacali nei giorni scorsi. 

Alla già difficile situazione economica del gruppo Liberty, si aggiunge ora il blocco delle forniture del semiprodotto (coils) da parte di Arcelor Mittal che obbligherà in tempi stretti l’utilizzo di ammortizzatori sociali. Come spiegato dai sindacati le forniture sono state bloccate a causa di un credito insoluto dello stabilimento di Liegi, facente parte del gruppo. 

"Blocco delle forniture che di fatto paralizza un impianto, quello di Magona, che nel mese di Aprile aveva registrato importanti utili confermati a Maggio e con un portafogli clienti completamente saturo. - hanno commentato i sindacati - Quindi se ieri la priorità era non fermare le produzioni per mantenere la clientela, il mercato, la ragione stessa dell’esistenza dello stabilimento con di tutti i posti di lavoro. Oggi la priorità è salvare lo stabilimento dalla chiusura, per garantire il lavoro agli oltre 740 dipendenti, tra diretti indotto e interinali, e dalla rapina del mercato e dei clienti da parte dei concorrenti". 

"Per questa ragione è importantissimo che il Ministro dia immediato riscontro alla richiesta fatta dalle segreterie nazionali metalmeccaniche Fim, Fiom e Uilm. - hanno aggiunto - Come organizzazioni sindacali riteniamo che il tema del distretto dell’acciaio su Piombino è quanto mai all’ordine del giorno. Che il tema di tornare a colare acciaio per la produzione di laminati piani, coils a caldo, da affiancare ai lunghi, sia quanto mai attuale e stringente. Ciò non di meno il destino dello stabilimento è legato ai tempi, Magona non potrà sopravvivere ai tempi di quelle realizzazioni". 

"Lo stabilimento Magona si salva solo con un passaggio di mano proprietario e con un soggetto che abbia la forza finanziaria capace di garantire forniture del semi prodotto che non facciano disperdere il patrimonio di clienti di qualità del prodotto e di professionalità che quello stabilimento ha faticosamente costruito negli anni. - hanno concluso i sindacati - Come organizzazioni sindacali oltre ad avere un doveroso confronto tra giovedì e venerdì con tutti i lavoratori avvieremo anche iniziative che interessino le istituzioni, da quella comunale, regionale, Prefetto, senza escludere eventuali comunicazioni alla Commissione europea sull’atteggiamento di Arcelor Mittal che a noi appare illegittimo".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dall'azienda: "Impegnati a rimanere sul territorio. Attivato un canale con il Mise". Il sindaco pensa al recupero delle aree dismesse
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro