Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PIOMBINO20°28°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 26 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Cos'è la sindrome da long Covid e chi rischia di più?

Attualità domenica 18 aprile 2021 ore 06:00

Modi di dire piombinesi - II parte

Foto di Riccardo Marchionni

Su #tuttoPIOMBINO di QUInews Valdicornia la seconda parte dei "Modi di dire piombinesi" di Gordiano Lupi. Foto di Riccardo Marchionni



PIOMBINO — Chi se la prese campò un mese! è un detto maremmano diretta conseguenza dell’esclamazione mi ci ribolle le chiare! che si dice quando una cosa non va proprio giù, più ci pensi e meno ti passa. Allora, quando sei proprio lezzo che non ne puoi più, soccorre la nonna con il vecchio adagio: “Non te le prende’… che chi se la prese campò un mese!”. 

Mi sembri quello che me la fece sull’uscio e poi se n’andò!, veniva rivolto, invece, alle facce toste, agli impuniti, alle persone che ti lasciavano di stucco per un comportamento strano, un atteggiamento che da loro non ti saresti mai aspettato. 

Qui un si mègliora… eh si pèggiora, altro che!, modo di dire caratterizzato dalla pronuncia con gli accenti errati che concludeva certi discorsi dei vecchi per dire che le cose andavano meglio ai loro tempi; in senso lato si usava anche per affermare che una determinata situazione di vita non accennava a migliorare. 

L’intercalare tra nizzole e nazzole sta per tra una cosa e un’altra, indica il passare del tempo, usato in discorsi come: “Tra nizzole e nazzole siamo già a Pasqua! Vedrai quanto sta a riesse Natale!”, “Ho pagato la luce, il gas, l’affitto… tra nizzole e nazzole ho speso tutto quel che avevo!”. 

Ah, si sta lustri!, significa siamo messi bene, siamo sistemati a modo. Una casa lustra è pulita, splendente, ma l’espressione si sta lustri viene usata in senso negativo; per esempio, adesso si potrebbe dire: “Con questa pandemia si sta proprio lustri”. Pigliamola a ride’, sta per non ce la prendiamo, facciamoci una risata, anche se ci sarebbe da piangere per la situazione, oppure per un fatto non molto lieto, tutto sommato sopportabile. 

A tavola ’un s’invecchia vuol dire che quando si mangia in buona compagnia e si sta bene, non c’è fretta, si può stare a lungo seduti, senza farsi prendere dalla premura e dal timore di fare tardi. 

Quel che un’ammazza, ingrassa!, è un altro detto culinario che invita a mangiare di tutto, ché se una cosa non fa male, anche se non è proprio prelibata, basta che sia commestibile; di solito si dice quando non si va tanto per il sottile e si mandano giù cibi non troppo raffinati, di provenienza incerta. I vecchi piombinesi lo dicevano quando venivano convinti a forza a mangiare in un ristorante cinese, giapponese, in un luogo che ai loro occhi appariva più strano che etnico. 

Meglio un aiuto che cento consigli a bischero! non ha bisogno di spiegazioni, viene usato nei confronti di quei saccenti che in teoria sanno tutto ma quando si passa alla pratica non hanno punta voglia di muover le mani. 

Gli amici son come i fagioli: parlano dietro!, fa riferimento alla proprietà meteorica dei saporiti legumi che espandono le loro proprietà grazie al ben noto organo posteriore, paragonata al fatto che gli amici spettegolano alle spalle. 

Sacco voto non sta’ ritto, ergo chi non mangia non sta in piedi, proprio come un sacco di juta non ancora riempito di cereali. 

E l’allogherei meglio il mi’ tempo … prima di fa’ quel che tu dici! Allogare è italiano antico, boccaccesco, significa accomodare in un luogo, qui sta per utilizzare ed è un intercalare che si pronuncia in risposta a una richiesta assurda, di sicuro poco praticabile.

Gordiano Lupi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Grazie a una convenzione tra Comune e condominio si risolve l’annoso problema di sicurezza e accessibilità in quel tratto di strada
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica