Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:50 METEO:PIOMBINO17°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Joe Biden: «Donald Trump è un dittatore, vuole vendetta»

RIGASSIFICATORE venerdì 18 novembre 2022 ore 17:30

Rigassificatore, quali scenari dopo ricorso al Tar

I comitati del no al rigassificatore hanno incontrato il sindaco Ferrari e l’assessora Bezzini per fare il punto dopo l’annunciato ricorso al Tar



PIOMBINO — Si è svolto l'incontro tra il sindaco di Piombino Francesco Ferrari, l'assessora all'Ambiente Carla Bezzini e i gruppi e comitati del no al rigassificatore Salute Pubblica, La piazza, Liberi insieme e Gazebo 8 Giugno.

Un incontro che è servito a fare il punto sulle azioni in campo riguardo il rigassificatore nel porto di Piombino e i lavori già iniziati per la sua messa in funzione. 

"Il sindaco ha illustrato gli aspetti principali che saranno oggetto del ricorso che il legale depositerà a breve presso il Tar del Lazio, dando informazioni degli scenari prospettati inerenti la fase cautelare per la quale sono ancora in corso verifiche e approfondimenti con l’avvocato incaricato. Ha illustrato quali motivazioni sono a supporto dell’una o dell’altra scelta. - hanno spiegato Salute Pubblica, La Piazza e Liberi insieme in una nota - Gli scenari possibili, a suo dire, sono i seguenti: chiedere la sospensiva mettendo in evidenza gli aspetti tra i più significativi per tentare di sospendere i lavori, con il dubbio che una causa così complessa possa essere meglio compresa tramite un esame di merito; fare istanza di prelievo con l’obiettivo di accorciare i tempi per il giudizio; non chiedere la sospensiva confidando nella discussione di merito, sede per approfondire le tematiche sollevate".

Per Salute Pubblica, La Piazza e Liberi insieme la richiesta di sospensiva è fondamentale, in quanto "i tempi del Tar, anche nell’ipotesi di un esame nell’ordine di mesi o di un anno, non giovi alla causa in quanto i lavori andrebbero avanti con dispendio di soldi pubblici, come andrebbero avanti trattative e quindi acquiescenza da parte di Enti, compreso il Comune. In questa ipotesi sarebbe meno evidente dimostrare il timore per il pericolo e l’incolumità pubblica se l’Amministrazione non ha sentito il bisogno di tentare di fermare subito i lavori".

Per i rappresentanti del gruppo Gazebo 8 Giugno sul ricorso al Tar e la eventuale richiesta di sospensiva dovranno esprimersi gli esperti, ovvero il legale incaricato dal Comune.

“E’ un'arma a doppio taglio. - ha commentato Mariacristina Biagini del Gazebo 8 Giugno riportando sui social i contenuti dell’incontro - In alternativa alla sospensiva potrebbe essere chiesto il prelievo, cioè quello che io chiamavo il baratto. Serve ad accelerare il processo, con un risultato presumibile a gennaio o febbraio prossimi. Tutti abbiamo fatto osservazioni, anche io, che peraltro sono d'accordo con questa linea, come ho sempre detto e scritto”.

In sindaco ha poi invitato i gruppi a fare le loro osservazioni e seguiranno degli approfondimenti per esempio rispetto a delle contraddizioni che emergono dai pareri degli Enti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dovrà scontare quasi 9 anni di detenzione il 34enne originario dell'Est Europa ricercato per una serie di reati commessi tra il 2011 e il 2021
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Lavoro

Attualità