comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 19°22° 
Domani 19°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 02 giugno 2020
corriere tv
Dl Rilancio, Conte: «Eliminata la prima rata Imu per hotel e stabilimenti balneari»

Attualità sabato 07 marzo 2020 ore 14:49

"Nuova aggressione al territorio agricolo"

Foto di repertorio

Un nuovo impianto fotovoltaico nel comune di Piombino? Cia Livorno: "Un progetto puramente speculativo ed invasivo a cui con forza diciamo no"



PIOMBINO — La Confederazione Italiana Agricoltori della provincia di Livorno continua monitorare i progetti legati agli impianti fotovoltaici nel Comuna di Piombino.

"Dopo il progetto di un campo fotovoltaico della potenza complessiva di 18 Mw in località Bocca di Cornia presentato nel 2010 dalla Officine Elettriche Balsini e del quale al momento si sono perse le tracce, si profila la realizzazione di due nuovi impianti: - hanno segnalato - il primo di maggiore potenza, di cui ci siamo già occupati, sempre nella stessa zona, con una previsione di occupazione di suolo agricolo di circa 80 ettari, il secondo, notizia di queste settimane, peraltro in avanzata fase progettuale della superficie di circa 15 ettari, a ridosso dell’area industriale di Montegemoli".

"Segnali preoccupanti di una aggressione al territorio agricolo di Piombino che deve essere contrastata con fermezza. - hanno commentato - Il punto è sempre lo stesso: quali siano state le ragioni che hanno consentito destinare un’area vasta circa 320 ettari nella zona di Bocca di Cornia ad ospitare insediamenti di questo tipo, escludendo tali aree da quelle di tutela, come previsto dalla Regione Toscana".

"Questa vicenda però - ha aggiunto - va oltre gli aspetti legati alla difesa del suolo agricolo ed assume un carattere più generale di tutela che riguarda tutti i cittadini e la città, che vive tuttora una fase di declino industriale".

Questo lo scenario: "Il territorio di Piombino oggi fa i conti con il proprio ingombrante passato industriale, con ampie aree dismesse da riconvertire, con la presenza di una discarica sempre più scomoda e che in poco tempo potrebbe vedere altre ampie aree del proprio territorio, a ridosso della città, occupate da campi fotovoltaici. Un abbraccio mortale tale da relegare Piombino ad un ruolo marginale e di abbandono rispetto a qualsiasi ipotesi di una nuova fase di sviluppo legata ad altri comparti produttivi come il turismo e perché no l’agricoltura".

"Fa bene il Comune di Piombino ad opporsi con forza a questi nuovi insediamenti fotovoltaici e la Confederazione è pronta a sostenere con convinzione questa battaglia, ma serve una consapevolezza che coinvolga tutta la comunità di Piombino perché il tempo non è dalla nostra parte ed occorre agire con tempestività per fermare lo scempio che si sta per abbattere sul territorio e la sua città", hanno concluso. 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità