QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 10°17° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 18 novembre 2019

Attualità martedì 12 luglio 2016 ore 16:41

“Pap test positivo, ritardi inammissibili"

Paolo Sarti

Per il consigliere regionale Sarti e la deputata Nicchi (Sinistra Italia) c'è qualcosa che non va dato che i risultati dovevano arrivare entro un mese



PIOMBINO — Dopo la denuncia di una donna in merito alla comunicazione dopo più di due mesi dal pap test, poi risultato positivo, intervengono il consigliere regionale Paolo Sarti di Si Toscana a Sinistra e la deputata Marisa Nicchi di Sinistra Italia. 

Serve una riorganizzazione degli screening oncologici in Toscana perché è sbagliato e inammissibile comunicare alle pazienti la positività ai pap test due mesi e mezzo dopo la visita, praticamente con 80 giorni di attesa, seppur in questo caso sembrerebbe non lesivo nei confronti della salute della donna”.

Secondo le linee regionale, spiegano i due esponenti, si prevede che il risultato positivo debba essere comunicato entro un mese. "Questo ritardo tecnico mette in luce problemi di organizzazione della Asl di Livorno e dell’ente convenzionato ISPO”, hanno aggiunto.

Da questo episodio, i due intendono avviare un monitoraggio sugli screening oncologici in tutta la Toscana per appurare quanto siano diffuse queste lungaggini nelle risposte ai pazienti e se esiste una omogeneità nella distribuzione territoriale del servizio di prevenzione oncologica.



Tag

Maltempo, il Sieve esonda a Pontassieve: strade allagate e auto sommerse

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità