Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PIOMBINO12°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 04 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Com'è andare in bicicletta a Milano? Il nostro giro tra ciclabili, interruzioni, auto in sosta, pavé e cantieri

Politica sabato 30 aprile 2022 ore 08:42

Discarica, “risposte insufficienti su Rinascenza”

La discarica di Piombino

L’interpellanza di Pd e Con Anna non ha prodotto le risposte sperato generando non pochi interrogativi sul piano industriale della nuova società



PIOMBINO — “Risposte insufficienti sulla nostra interpellanza in merito all'acquisto di Rimateria da parte del nuovo soggetto di Rinascenza Toscana”, lo hanno sottolineato i gruppi Pd e Con Anna per Piombino dopo il Consiglio comunale del 29 Aprile.

“La motivazione sostenuta dall'assessora Carla Bezzini è che il l'amministrazione ad oggi non è a conoscenza del piano industriale. - hanno spiegato - I verbali riportano che il voto espresso sulla proposta di concordato da parte del Comune di Piombino è stato negativo, ma agli atti risulta che l'invio del voto all'organo non competente ha reso nulla la posizione di Piombino quindi considerata favorevole. In Consiglio comunale sia il sindaco nelle comunicazioni che l'assessora nella trattazione dell'argomento, hanno ripetuto più volte la loro soddisfazione nelle scelte fatte in passato che, come già da noi sostenuto più volte hanno determinato il fallimento di Rimateria, una società a capitale misto pubblico privato”.

“Oggi un nuovo soggetto totalmente privato, si presenta per la gestione dell'impianto dove questa giunta ha progettato con una variante urbanistica un parco a verde. - hanno proseguito - Da quanto apprendiamo dalla stampa, il nuovo soggetto privato intende avanzare richieste molto simili al piano industriale di Rimateria che la giunta Ferrari ha fatto fallire, includendo però di nuovo, aree ormai escluse da quella destinazione d'uso. Vedremo quale sarà la posizione di questa amministrazione su quanto si sta delineando a fronte di 50 milioni di investimenti: si legge sulla stampa che si procederà con impianti di trattamento fanghi e plastiche, utilizzo del cono rovescio e del sopralzo ex Lucchini, interesse per la LI53”. 

“Verificheremo quale sarà il comportamento dell'amministrazione che di fatto ha rinunciato a sostenere un'azienda a partecipazione pubblica sul cui piano industriale avrebbe potuto operare un controllo, a fronte di un'azienda totalmente privata. Ci aspettiamo e chiediamo adeguata informazione”, hanno concluso i due gruppi di opposizione chiedendo costanti e chiari aggiornamenti sul futuro della discarica.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno