comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:58 METEO:PIOMBINO10°16°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 04 dicembre 2020
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, il punto del ministero della Salute sulla situazione epidemiologica in Italia - La diretta video

Lavoro giovedì 22 ottobre 2020 ore 15:32

Piano Jsw, "il tempo passa e tutto tace"

Dal Camping Cig chiedono a istituzioni e sindacati di alzare i toni per ottenere risposte rispetto al nuovo piano industriale e il ruolo dello Stato



PIOMBINO — "Piano Jindal e addendum all’Accordo di Programma? Il tempo passa e tutto tace", il commento del coordinamento Art.1 - Camping Cig a seguito degli ultimi incontri relativi alla vertenza Jsw.

"Erano stati annunciati incontri nel breve tempo, promettendo che sarebbero stati risolutivi in merito al piano industriale. Invece ancora nessuna certezza. Ciò che è certo è che di risolutivo c’è solo la lenta agonia della fabbrica e della città! - hanno dichiarato in una nota - Le istituzioni e i sindacati non possono stare con le mani in mano, come se tutto andasse bene. Positivo che il sindaco abbia esternato le sue critiche. Occorre alzare i toni e mobilitarsi fino a rompere lo stallo di questa situazione".

"Non ci possiamo permettere nessuna inerzia - hanno aggiunto - anche perché circolano voci, che, se infondate, ci piacerebbe che fossero smentite, che parlano di una cassa aziendale vuota di liquidità a tal punto da mettere in discussione il pagamento degli stipendi; di ditte di appalto che non ricevono più un pagamento da lungo tempo tanto da paventare ricorsi per vie legali e licenziamenti dei propri dipendenti. Tutto questo mentre si continua a spremere sul rendimento dei lavoratori Jsw, con l’introduzione della timbratura sul posto di lavoro, costringendoli a uscire alla fine del turno senza fare la doccia e aumentando assembramenti e quindi il rischio contagio, in una situazione sanitaria già sufficientemente critica".

"Bisogna costringere il Governo ad indire subito gli incontri previsti e tener conto del comportamento di questa multinazionale. - hanno proseguito dal Camping Cig - A nostro avviso occorre lottare perché lo Stato riprenda lo stabilimento nell’ambito di un piano di rinascita di Piombino, costruito con la partecipazione dei cittadini, che preveda acciaio pulito, bonifiche, potenziamento di infrastrutture e diversificazione economica. Stare fermi e silenti oggi significa solo rendersi complici della morte per inedia di questa città".



Tag

Programmazione Cinema Farmacie di turno


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità