Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO14°17°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Attualità mercoledì 13 maggio 2020 ore 14:35

Piazza Bovio invasa da sedie vuote

Il flashmob in Piazza Bovio

E' il flashmob di baristi e ristoratori che denunciano le difficoltà provocate dal lockdown e le incertezze della riapertura. Sabato nuova protesta



PIOMBINO — Oltre cento sedie vuote hanno occupato Piazza Bovio a Piombino. Sopra ogni sedia le bottiglie di vino delle aziende agricole locali. E' stato il nuovo flashmob dei titolari di bar e ristoranti che, se prima intravedevano uno spiraglio per la riapertura dei loro locali, ora annunciano gravi difficoltà per la sostenibilità economica delle loro attività.

A denunciare la situazione e lanciare un nuovo appello sono gli imprenditori del Movimento imprese ospitalità e organizzato dall’Usceb (Unione somministrazione cibo e bevande) a Piombino. Le conseguenze dell'emergenza sanitaria di Covid-19 a Piombino si è andata ad aggiungere alle già pesanti difficoltà che il settore della ristorazione, come altri settori, hanno dovuto affrontare a causa della crisi economica cronica.

Ora, dopo la doverosa chiusura per il contenimento del contagio, l'apertura per i ristoratori, con regole, distanziamento e prescrizioni, si trasforma in un nuovo disagio. Il distanziamento sociale, per esempio, rischia di ridurre la capienza del servizio nei locali a fronte del cento per cento dei costi. Il timore, inoltre, è quello di trasformare i locali vocati all'accoglienza e all'aggregazione in ambulatori.

L'iniziativa di martedì, nata localmente, chiede, oltre a regole certe e chiare, aiuti economici per resistere e poter continuare a dare occupazione diretta e nell'indotto. Sabato 16 Maggio i titolari di bar e ristoratori replicheranno in piazza Verdi aderendo all'iniziativa nazionale per ribadire che non apriranno a queste condizioni, affinché le sedie vuote, non restino tali, anche in futuro. 

All'iniziativa ha partecipato anche il sindaco di Piombino Francesco Ferrari e gli assessori Sabrina Nigro e Giuliano Parodi. "Abbiamo voluto dimostrare anche questa volta la nostra vicinanza a tutte le categorie colpite dalle ripercussioni economiche di questa prolungata chiusura e unirci alle loro voci che chiedono sostegno economico e chiarezza al Governo. - ha commentato - Il Comune ha messo in atto tutte le misure possibili per sostenere queste attività, ora serve un deciso intervento dello Stato: che sia possibile o meno riaprire il 18 maggio come molti giornali riportano in queste ore, è comunque necessario garantire a questi imprenditori e ai loro dipendenti di poter sopravvivere a questa crisi, prima sanitaria e poi economica. Dietro a ognuna di quelle saracinesche abbassate ci sono famiglie che vivono di quell’attività, ci sono i sacrifici di chi la gestisce ogni giorno, c’è la nostra cultura che della tavola ha fatto il suo cavallo di battaglia, ci sono i luoghi di aggregazione senza i quali non potremmo dire di essere davvero tornati alla normalità".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dall'inizio della pandemia sono stati registrati 140 casi di positività al Covid-19, 121 le persone guarite e 2 quelle decedute
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Politica