QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 11°15° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 21 novembre 2019

Elezioni sabato 04 maggio 2019 ore 20:51

Dalla piazza il programma di Ferrari

Francesco Ferrari

Illustrato il programma della coalizione per Ferrari sindaco che vuole ridare una prospettiva alla città e ai piombinesi



PIOMBINO — Francesco Ferrari ha scelto la piazza per presentare il programma elettorale della coalizione che conta dei partiti Lega, Forza Italia-Udc, Fratelli d'Italia e delle liste civiche Ferrari sindaco, Ascolta Piombino e Lavoro e Ambiente.

"Oggi illustriamo il nostro programma con orgoglio perché questo non è il programma di Francesco o di un partito ma di una coalizione frutto della collaborazione di tutti di esponenti politici, liste e cittadini. - ha esordito Ferrari - Abbiamo sempre detto che la nostra non è una proposta canonica ma la proposta di una città, dei cittadini perché il programma e stato il frutto di diverse proposte".

"La nostra è una zona dj crisi complessa, basta andare in giro x rendersi conto che la nostra città è in crisi e il modello di riconversione prospettato fino adesso è fallito. - ha aggiunto - Gli accordi di programma di cui tanti hanno fatto vanto sono accordi che non sono serviti a questa città a rinascere e oggi vediamo le conseguenze". Dal gazebo di via Ferrer angolo corso Italia il candidato di centrodestra ha lanciato un duro attacco al Partito Democratico colpevole di "aver governato questa città senza lungimiranza".

Il programma della coalizione Ferrari parte dalla questione ambientale nella convinzione che Piombino non diventi la città dei rifiuti. "Su Rimateria abbiamo le idee chiarissime", ha detto puntualizzando: no raddoppio della discarica (attraverso strumenti urbanistici e il riconoscimento di Colmata centro abitato), sì ai carotaggi e all'istallazione di centraline, via alle bonifiche. A proposito di ambiente, al di là della discarica, altre le idee: dai principi del Plastic free alla verifica delle conduttore idriche per sostituire le parti fatte in amianto per dirne alcune fino al potenziamento della raccolta differenziata.

Il programma della coalizione Ferrari vuole ridare alla città una prospettiva da racchiudere nella parola lavoro. "Finora l’unica prospettiva è stata quella degli ammortizzatori sociali. Ma pensiamo a tutti quelli che non ce l’hanno, pensiamo ai giovani che non hanno diritto di scegliere se restare a Piombino o andare fuori a lavorare", ha detto ricordando che "nessuno vuole chiudere la fabbrica che però deve rispettare le normative ambientali".

E proprio dagli spazi bonificati e liberati perché inutilizzati dovrebbero nascere nuove occasioni di sviluppo per l'impresa. "Hanno dato uno spazio enorme a Rebrab di fronte a un progetto industriale per nulla credibile. - ha ricordato Ferrari riferendosi al Quagliodromo - Intanto quella zona riprendiamocela poi vediamo se è di scarso valore paesaggistico come ci dicevano".

E' il tema turismo ad animare gli animi. "Non basta che si fermi in Costa Est, i turisti devono arrivare in città", ha detto sottolineando la necessità di ridare speranza al commercio.

"Noi dobbiamo valorizzare, non sfruttare, le meraviglie che questo territorio ci dà e nessuno fino adesso lo ha fatto benché ci vengano a dire che è stato già fatto". Cultura, sport, natura, enogastronomia, prodotti agricoli tutti aspetti da valorizzare attraverso un'apposita azione di marketing perché aumentino l'attrattività del territorio che deve rispondere alle esigenze di un turista evoluto che chiede collegamenti ciclabili (compresi quelli verso il mare da Riotorto e Populonia stazione), percorsi trekking e aree attrezzate per la sosta come quella pensata alle Caldanelle.

E se Piombino vuole guardare al turismo, per Ferrari si deve fare più attenzione al decoro urbano. Spazio anche a maggiore sicurezza da arginare attraverso l'aumento dei vigili urbani e più attraverso telecamere per esempio.

Tra i progetti inseriti nel programma l'attivazione: dell'Ufficio Europa, considerando anche la possibilità di esternalizzazione del servizio, per intercettare i fondi europei; dello sportello Worlk city per aiutare i giovani che vogliono aprire attività a Piombino; dello Sportello stranieri affinché in comune ci sia qualcuno che dia indicazioni a chi ha bisogno di un aiuto, fosse anche solo un’informazione sulla burocrazia.

Non ultima la questione salute per invertire il clima di "rassegnazione", come ha detto Ferrari, sulle sorti dell'ospedale.

"Se un territorio lo vuole i miracoli si possono realizzare", così ha concluso Ferrari la presentazione.

Alleghiamo all'articolo il programma integrale della coalizione in formato Pdf e il link condiviso sulla pagina Facebook del candidato a sindaco che ne racchiude i tratti salienti.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata



Tag

Ex Ilva, Conte: «All'incontro con il signor Mittal porterò la determinazione di un paese del G7»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità