Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO14°17°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Attualità giovedì 11 marzo 2021 ore 11:04

"Non è il momento per queste incertezze"

Alberto Nencetti

Così tuona il presidente provinciale Sib Confcommercio Alberto Nencetti in merito all'illegittimità delle proroghe delle concessioni demaniali al 2033



PIOMBINO — Il Tar ha accolto il ricorso presentato dall’Antitrust per far dichiarare l'illegittimità delle proroghe delle concessioni demaniali al 2033. Notizia di questi giorni l'annullamento della determina del Comune di Piombino che avviava l'istruttoria per l’estensione della durata di alcune concessioni. Da Sib Confcommercio la richiesta urgente di un intervento chiarificato del Governo e del Parlamento sulle concessioni demaniali marittime e della loro durata. In Val di Cornia anche San Vincenzo ha ricevuto una diffida dopo l'estensione al 2033.

"La sentenza del Tar di Firenze lascia interdetti gli imprenditori balneari del territorio regionale, provinciale e piombinese, così come quelli di tutta Italia per la debolezza e la fragilità delle motivazioni addotte. - ha fatto sapere il presidente provinciale Sib Confcommercio Alberto Nencetti - Infatti per l’applicazione della Bolkestein dovrebbe venire accertata la limitatezza della risorsa, mentre il Comune di Piombino dimostra che nel suo territorio ci sarebbero ancora liberi e disponibili i 4/5 del litorale. Ma questa è solo la prima delle tante incongruenze che come Sindacato italiano balneari riscontriamo nella sentenza. Per altro la sentenza di Firenze va completamente contro altre come quella del Tar di Lecce del 27 Novembre 2020 che aveva chiarito che non spetta ai Comuni disapplicare una legge nazionale".

"Fa male inoltre vedere che il legittimo affidamento verrebbe riconosciuto solo a chi dimostra di aver fatto investimenti non ammortizzati, e non anche a chi invece abbia investito il proprio lavoro e quello della famiglia. - ha aggiunto - Abbiamo al nostro fianco la presidente regionale Sib Stefania Frandi e il presidente nazionale Antonio Capacchione, che ci aiuteranno a districarci in questa ulteriore minaccia per il nostro lavoro. Ma ormai è chiaro a tutti che sulle concessioni demaniali marittime e sulla loro durata serve urgentemente un intervento del Governo e del Parlamento".

“In questo momento di difficoltà legate al Covid e ai timori per la salvaguardia dei posti lavoro - ha concluso - non possiamo avere queste incertezze; servono risposte da parte della politica su come potremo lavorare la prossima estate, ad oggi non abbiamo linee guida su come aprire le nostre attività, e nei prossimi anni”.

Sull'argomento interverrà anche il presidente nazionale di Sib Antonio Capacchione in una diretta Facebook sulla pagina di Confcommercio Toscana fissata per giovedì 11 alle ore 15.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dall'inizio della pandemia sono stati registrati 140 casi di positività al Covid-19, 121 le persone guarite e 2 quelle decedute
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità