Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PIOMBINO18°30°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 20 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Inginocchiati o ti sparo»: il video de Il Foglio della lite al ristorante di Albino Ruberti, capo gabinetto di Gualtieri

Politica venerdì 24 giugno 2022 ore 14:24

Rigassificatore, "no 398 come compensazione"

Enrico Rossi

L'ex presidente della Regione Toscana Enrico Rossi è categorico. "La strada 398 viene prevista nell’accordo di programma firmato nel 2014"



PIOMBINO — A proposito di compensazione per la messa in funzione del rigassificatore nel porto di Piombino, l'ex presidente della Regione Toscana Enrico Rossi bacchetta il ministro Cingolani invitandolo, piuttosto, a presentare un piano serio.

"Il ministro Cingolani, come compensazione della installazione della nave gasiera nel porto di Piombino, pensa di proporre la realizzazione della strada 398 di collegamento tra la città e la Tirrenica. In realtà per fare quella strada né il governo e neppure la Regione hanno da fare qualcosa, perché da parte loro è già stato fatto tutto quanto è necessario. - ha spiegato Rossi - Ancor meno, per serietà, Cingolani dovrebbe provare a prometterla, evitando di apparire disinformato o peggio intenzionato a turlupinare i toscani; ciò che francamente sconsiglio. Infatti, nelle intese tra Regione e Governo, la 398 viene prevista nell’accordo di programma firmato nel 2014. Successivamente, 2015/16, venne stabilito che fosse l’Anas a farsi carico di realizzare il primo lotto che il governo, rispettando gli impegni, ha finanziato tramite il Cipe per 50 milioni. Il progetto è stato appaltato e i lavori, a quanto mi risulta, dovrebbero partire entro l’anno. Il secondo lotto, quello conclusivo, si legge sulla stampa, è già stato finanziato per 50 milioni con i fondi del Pnrr e dovrebbe presto andare in appalto. Com’è evidente è impossibile presentare la 398 come una compensazione". 

"Se il governo intende discutere con i toscani per piazzare il 'bombolone' nel porto di Piombino per un periodo limitato e necessario a superare l’emergenza energetica, a mio avviso, deve presentare proposte serie almeno su questi punti: - ha proseguito - riavviamento delle acciaierie e ingresso dello Stato nella nuova compagine proprietaria, come è avvenuto per l’Ilva di Taranto; lancio del porto di Piombino, realizzato a spese della Regione, con la valorizzazione delle sue caratteristiche (profondità di 20 metri, ampiezza delle banchine e possibilità di un loro sviluppo) all’interno del sistema portuale del Tirreno e più in generale del Paese; previsione di contributi economici per le attività legate al turismo qualora esso dovessero subire, com’è probabile, un danno dalla presenza della nave gasiera; ultimo ma non ultimo, la garanzia, come condizione assoluta, della sicurezza della città e del porto di Piombino. Sarebbe importante cominciare a discutere seriamente di queste cose e lasciar perdere compensazioni inesistenti".

Dopo aver presentato il memorandum con elencate una serie di suggerimenti per Piombino, l'attuale presidente della Regione Toscana Eugenio Giani a margine di un incontro ha ribadito di essere pronti ad ospitare il rigassificatore nonostante le proteste della comunità. Allo Stato la richiesta di opere complementari: risanamento ambientale delle attività siderurgica e nuova strada che bypassi il centro città per arrivare in porto.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il provvedimento è stato adottato dalla sindaca di Campiglia Marittima a seguito dell’allerta meteo del Centro Funzionale Regionale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità