Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PIOMBINO10°13°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 27 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
A Kiev, tra le bandierine ai caduti e l’appello agi alleati: «Mandate armi e munizioni»

RIGASSIFICATORE lunedì 07 novembre 2022 ore 19:03

“Oltre a tecnicismi e ricorsi, questione politica”

Luca Baragatti

Per Alleanza per Piombino il nuovo Governo dovrebbe fermare l’iter procedurale del rigassificatore nel porto di Piombino



PIOMBINO — “Sulla questione della nave rigassificatrice probabilmente in arrivo nel porto della città, credo che oltre i tecnicismi e i ricorsi alle leggi, ci sia una questione fondamentale e ben più importante, ossia squisitamente politica”.

Parole di Luca Baragatti (Alleanza per Piombino) che sollecita un’azione più incisiva del Governo.

“Sarebbe una buona cosa, oltre che intelligente e onesta, se il nuovo Governo fermasse l'iter procedurale a riguardo per riflettere meglio sulle possibili strategie da adottare per accumulare il gas e non lasciare il Paese in difficoltà dall'autunno del prossimo anno. - ha proseguito - È un' idea seria e buona aver ripensato alla riapertura delle trivelle per andare a prendere il nostro gas in Adriatico, ma bisogna fare di più, e bisogna iniziare degli investimenti cospicui in energie alternative da affiancare a ciò che abbiamo ora, e magari iniziare a studiare altro come succede già oggi in Francia, Germania o per esempio nei paesi scandinavi. E questo per quanto riguarda il livello tecnico dell'approvvigionamento. Poi c'è un lato politico che non si può nascondere, e pensare di andare a prendere LNG a costi altissimi rispetto a quelli attuali pagati alla Russia (la Germania infatti si è opposta addirittura alle proposte dell'Unione Europea e sta sfruttando la sua condotta in arrivo dalla Russia), pare ancora più assurdo ed economicamente insostenibile”. 

“E qui - ha commentato Baragatti - un Governo che intende dare una svolta netta al passato della politica che questa Nazione ha avuto è non solo opportuno ma indispensabile, e ogni scelta compiuta deve andare a favorire le nostre aziende sempre più in crisi e i cittadini. E Piombino, con la maggioranza dei suoi cittadini, sta dando una prova di orgoglio e serietà smisurata, i famosi nimby sono solo nelle calendiane teste o poco oltre. Piombino ha detto sì a tutto, da sempre, non si può certo negare e a parte mille promesse mai mantenute dalla Regione o dal Governo di turno, qua non si è visto mai nulla che migliorasse le sorti della città. E allora è ingiusto demonizzare chi sui social racconta attraverso foto o frasi le bellezze e le potenzialità di questo territorio che merita molto di più, a partire dal rispetto e dalla dignità di preservare ciò che con difficoltà in questi ultimi anni si è provato a sviluppare”.

“Perciò un no di una città e di un comprensorio che ha unito cittadini di diverse idee politiche a una nave che non serve nè a Piombino tantomeno all'Italia e agli italiani è una battaglia giusta per non condannare definitivamente un territorio e per dire che la democrazia è ancora un cardine importante della nostra Nazione”, ha concluso Baragatti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Visto il peggioramento delle condizioni meteo previste per la giornata di martedì, i sindaci hanno firmato l’ordinanza per la chiusura delle scuole
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro