Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PIOMBINO23°26°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 26 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il patriarca Kirill scivola sull'acqua santa e cade durante la funzione religiosa

Attualità martedì 17 maggio 2022 ore 15:20

L'ipotesi rigassificatore verso le vie legali

Il porto di Piombino

E' quello che chiede il Comitato Salute Pubblica, pronto a tornare in piazza e manifestare contro l'ipotesi del rigassificatore nel porto di Piombino



PIOMBINO — Il Comitato Salute Pubblica insieme a La Piazza Val di Cornia, Camping Cig e Comitato Liberi Insieme porta avanti la battaglia contro il rigassificatore nel porto di Piombino.

"Ci siamo rivolti al Ministro per la Transizione Ecologica, alla Regione Toscana, alla Capitaneria di porto, alla Autorità di sistema portuale per evidenziare le nostre ragioni al no. - hanno spiegato in una nota - Abbiamo parlato dei problemi di sicurezza, della ipoteca che questo impianto metterebbe sul porto, sulla compromissione o influenze negative inerenti le attività ittiche e le attività turistiche. Ci preoccupa fortemente come l’urgenza governativa potrebbe portare a sconti o esenzioni nella applicazione di fondamentali leggi inerenti la sicurezza e l’ambiente. I nostri timori sembrano in parte confermati dal decreto legge approvato dal governo il 2 Maggio 2022, nel quale si snelliscono le procedure attribuendole al Commissario, ma al contempo si citano atti normativi imprescindibili, come il decreto legislativo n.152/2006, che salvaguarda ambienti e territori. Eppure nella bozza che circola, al punto 3, si prevede l’ipotesi dell’esenzione dalla Valutazione di Impatto Ambientale per i rigassificatori". 

Il Comitato ha posto l'accento sulla preoccupazione in quanto più volte per il progetto di Piombino si è parlato di distanza di attenzione e fasce di rispetto minime. "Sentiamo comunque parlare, sempre in modo ufficioso, dalla società incaricata dal Governo, Snam, interessata alla realizzazione del progetto, di distanze di attenzione e fasce di rispetto minime. 250 metri, contro i 2 chilometri di attenzione previsti nel decreto 105/2015 e le 2 miglia dalle fasce di interdizione in mare, e non ci vogliamo credere. La gente abita vicinissima a quel porto, transita in continuazione per il porto e dalla strada di ingresso per Piombino, che ricade nei 2 chilometri da attenzionare, secondo il decreto sopra citato".

A fronte della posizione opposizione al progetto assunta dal sindaco Francesco Ferrari, il Comitato confida che "l'Amministrazione comunale si attivi nelle sedi giudiziarie previste dall’ordinamento nel caso il Governo decida di installare un rigassificatore a Piombino, anche se ci auguriamo che il dialogo, la informazione, la politica, permettano di risolvere la vicenda, rispettando la comunità locale, in gran parte schierata per un parere negativo".

Il Comitato Salute Pubblica è pronto a tornare in piazza per una manifestazione, un corteo o una iniziativa pubblica "per la difesa del territorio, del nostro mare e per il futuro dei nostri giovani".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I mille passeggeri e i 300 veicoli della nave sono stati fatti sbarcare a Livorno e dirottati su Piombino, per farli imbarcare sulla Moby Wonder
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità