QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15°19° 
Domani 11°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 22 settembre 2019

Attualità martedì 04 settembre 2018 ore 13:49

Rimateria, il comitato scrive al sindaco Giuliani

Bocciata la proposta di referendum, il Comitato Salute Pubblica ha sottolineato l'importanza di confronto e ricorda l'impegno preso dei carotaggi



PIOMBINO — La delusione del Comitato Salute Pubblica dopo il niet alla proposta di referendum non li ha fermati e si rivolgono con una lettera aperta al sindaco Massimo Giuliani "per sollecitarlo a tener fede ad un impegno già preso con una delegazione di cittadini di Colmata e Piombino, quasi due mesi fa, sulla vicenda RiMateria". 

"Nell'incontro del 4 Luglio 2018 alla presenza del sindaco Giuliani, del sindaco di Suvereto G. Parodi, dell'assessore all'ambiente del comune di Campiglia Marittima Bartalesi, dell'assessore all'ambiente del Comune di San Vincenzo Russo, del presidente di Rimateria Caramassi furono presi vari impegni. Tra essi ci preme sottolineare che fu accettata la proposta più volte avanzata dai cittadini di eseguire dei carotaggi sulla discarica per così escludere la possibilità che vi sia stato conferito materiale particolarmente pericoloso. - hanno riferito in una nota - La richiesta era motivata dal fatto che un terzo circa dei rifiuti con cui la discarica ha raggiunto l'attuale altezza proviene dalle ditte di Livorno indagate per traffico illecito di rifiuti pericolosi. Ai cittadini fu inoltre assicurato che la ditta che avrebbe eseguito i carotaggi sarebbe stata una ditta esterna a Rimateria ed i costi dell'operazione, carotaggi ed analisi, sarebbero stati pagati dal Comune. Prima di eseguirli sarebbe stata necessaria, affermava il sindaco, l'autorizzazione del Noe e del Pubblico Ministero che sta indagando sulla vicenda". 

Ad oggi il comitato si domanda come mai i carotaggi non sono iniziati. "Carotaggi ed analisi - hanno spiegato - che tranquillizzerebbero, almeno per questo aspetto del problema, sia i cittadini ma anche chi sulla discarica opera. Aspettiamo una risposta e sollecitiamo il sindaco a fare tutti i passi necessari a portare avanti quanto promesso".

In merito alla proposta di referendum bocciata dal Pd il comitato ha ribadito che "tali iniziative avrebbero sì bloccato, momentaneamente, il nuovo progetto ma solo fino al pronunciamento della città e non avrebbero impedito a Rimateria di continuare a funzionare, accogliere rifiuti, mettersi finalmente a norma e portare avanti il vecchio progetto della 4 variante (altro ampliamento discarica) iniziato solo nel 2016, tutt'ora in corso. Siamo rammaricati da questa decisione che non comprendiamo".

Queste le ragioni che hanno mosso il Comitato Salute Pubblica ha scrivere la lettera aperta, ribadendo l'importanza del confronto con i cittadini per un progetto interessa tutto il territorio e "malgrado anche i numerosi pronunciamenti critici presentati da Enti statali (Arpat, Irpet, Commissione Via-Vas Comune di Piombino, ecc.) alla Regione Toscana che sta valutandolo".



Tag

Virginia Saba, la fidanzata di Di Maio, ai giornalisti: «Ad agosto dovevate riposare, non lavorare»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

Attualità