QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 28°34° 
Domani 26°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 23 luglio 2019

Attualità mercoledì 26 ottobre 2016 ore 18:13

"Per il territorio risposte insufficienti"

Le bandiere dei sindacati

Cgil, Cisl e Uil tirano le somme sugli interventi messi in campo per il sostegno al reddito. E annunciano nuove mobilitazioni



PIOMBINO — “Interventi insufficienti per il 2017”, questo il giudizio di Cgil, Cisl e Uil della provincia di Livorno dopo il confronto in Regione su ammortizzatori sociali e aree di crisi e si dicono pronti a nuove forme di mobilitazione.

“Bene gli interventi di proroga per gli strumenti in deroga – hanno chiarito le confederazioni territoriali – che nelle aree di crisi sarà possibile rendere retroattivi ma, se ci sono risposte, seppur parziali, a chi ha perso ogni forma di sostegno al reddito a partire da ottobre 2015, per coloro che li perderanno a partire da gennaio 2017 non è previsto ancora niente”.

Le confederazioni rivendicano con forza che il ministro Poletti rispetti gli impegni presi in sede di contrattazione nazionale. “Poletti deve prevedere degli strumenti straordinari di sostegno al reddito per le aree di crisi da inserire in finanziaria, così come era stato concordato in sede di discussione nazionale”.

Se il decreto attuativo del Jobs Act vuole correggere il tiro sugli ammortizzatori, l'intervento risulta insufficiente se calato in una realtà come quella del territorio di Livorno, in cui due città nevralgiche per la Toscana, Livorno e Piombino, per le quali sono stati sottoscritti due accordi di programma, la crisi non accenna a diminuire. “Le 500 euro promesse da Poletti sul tavolo nazionale – hanno spiegato i sindacati – non sono state inserite nel decreto del Jobs Act, ma questo non significa che rinunceremo a rivendicare forme di intervento che accompagnino al lavoro coloro che perderanno gli ammortizzatori a partire dal primo gennaio 2017”.

Sono migliaia le famiglie che si troveranno in difficoltà a partire da quella data e per questo i sindacati hanno annunciato nuove mobilitazioni.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Spettacoli