Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO14°17°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Lavoro mercoledì 19 aprile 2017 ore 17:40

"Non si poteva andare avanti così"

Enrico Rossi

Il presidente, a margine dell'incontro su Aferpi, appoggia la mossa del Governo, ma non dimentica l'obiettivo acciaio e il futuro di 4mila lavoratori



PIOMBINO — "Non si poteva andare avanti così, ma attenti a mantenere vive le prospettive. Il passaggio di oggi è stato giusto, ma dobbiamo tentare di far arrivare i capitali necessari instaurando una trattativa tra Governi per sbloccare i fondi che Cevital dice di avere in Algeria e andare così a vedere le carte. Di fronte abbiamo una questione che riguarda il futuro di oltre 4.000 lavoratori, il cui peso sento anche sopra le mie spalle".

È questa la posizione del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, al termine della riunione che si è tenuta questo pomeriggio al Ministero dello sviluppo economico sul piano di rilancio della siderurgia a Piombino, presenti il ministro Carlo Calenda, il vice ministro Teresa Bellanova, il patron e l'amministratore delegato di Cevital, Issad Rebrab e Said Benikene, oltre al sottosegretario Silvia Velo e ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali, sia locali che nazionali.

Il ministro, dopo aver ascoltato gli interventi dei rappresentanti aziendali, ha annunciato che domani invierà ad Aferpi una lettera con la quale il Governo invita la proprietà ad adempiere agli impegni presi. In caso contrario la richiesta è quella di firmare un accordo per prolungare il periodo di sorveglianza fino al 2019, visto che per il Mise non ci sono le condizioni per interromperlo alla scadenza naturale del luglio prossimo.

Attualmente, come riportato nel comunicato diffuso dalla Regione, Rebrab ha dato seguito solo alla disponibilità dei 25milioni di euro promessi per dare liquidità all'azienda. Non è stato così, invece, in merito al contratto di acquisto del nuovo forno elettrico per il quale risultano versati alla tedesca Sms Demag solo 6 dei 9 milioni di euro necessari per gli studi preliminari, sui 200 che saranno invece necessari per completare l'acquisto. Anche rispetto al piano di smantellamento si è soltanto avviato un processo che doveva essere ben più avanzato.

"Se Rebrab vuole portare avanti l'investimento reagirà e darà le risposte che deve. - ha aggiunto Rossi - Credo che il Governo italiano debba impegnarsi per sbloccare i fondi algerini, anche minacciando di acquistare minori quantità del loro gas. Vorrei che il traguardo di quell'Accordo di programma che il Governo italiano ha firmato non fosse smarrito, ovvero che a Piombino si sarebbe continuato a produrre acciaio".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dall'inizio della pandemia sono stati registrati 140 casi di positività al Covid-19, 121 le persone guarite e 2 quelle decedute
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità