Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:12 METEO:PIOMBINO10°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 25 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Letta: «Dobbiamo chiuderci in una stanza a pane e acqua per la soluzione»

Politica venerdì 17 luglio 2020 ore 16:10

Prosegue lo scontro tra assessore Parodi e Lega

Bandiera della Lega (Foto di repertorio)

I malumori nella maggioranza non si spengono e dopo Scanzi sul palco salirà Rondelli. Canta "Imagine" canzone già criticata dalla leghista Ceccardi



PIOMBINO — Dopo le critiche per lo spettacolo di Andrea Scanzi a Piombino, il partito locale della Lega dovrà fare i conti anche con il cantante livornese Bobo Rondelli, altro ospite inserito nel cartellone degli eventi estivi, e che ha recentemente contestato cantando il brano "Imagine" la candidata presidente di centrodestra in Toscana Susanna Ceccardi arrivata a Livorno per una iniziativa pubblica. La scelta della canzone di John Lennon perché in una polemica accesa su La7 la Ceccardi l’aveva definita marxista.

Nessuna replica ufficiale da parte della Lega Piombino che, dalle fila della coalizione di maggioranza, ha aspramente criticato l'operato dell'assessore Giuliano Parodi per quanto riguarda la composizione del calendario degli eventi estivi. 

Tra gli aspetti contestati dalla Lega la mancanza di rispetto nell'aver scelto un artista che tra i suoi best seller ha un libro dal titolo 'Il cazzaro verde' (riferito a Matteo Salvini, ndr) e la spesa che si aggira attorno ai 200mila euro per la rassegna estiva. "Prendiamo le distanze da alcune scelte da lui fatte nel cartellone degli eventi estivi che è stato comunicato al nostro partito solo a cose fatte, auspicando comunque, visto l’investimento di circa duecentomila euro fuoriusciti dalle casse comunali, che l’intera manifestazione abbia un grande successo di pubblico dall’intera Toscana, ed il conseguente ritorno economico per la città", aveva commentato la Lega (leggi qui l'articolo collegato).

La vicenda ha sollevato non pochi malumori tanto che la Lega è arrivata a chiedere un rimpasto di giunta per avere maggiore rappresentatività date le percentuali dei risultati delle elezioni amministrative 2019. "Per colpa mia sta scoppiando la giunta", ha ironizzato in un post su Facebook Andrea Scanzi.

"I contenuti culturali non possono essere emanazione diretta di chi governa, ma, anzi, è responsabilità delle istituzioni garantire ai cittadini di poter scegliere in maniera libera e autonoma quegli eventi che possano farli crescere come critici e liberi cittadini", ha replicato il sindaco di Piombino portando l'attenzione sulla questione culturale della bagarre e cercando di smorzare quella politica.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Assolta in appello l’infermiera accusata della morte di dieci pazienti nel reparto di rianimazione dell’ospedale Villamarina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Attualità