Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:15 METEO:PIOMBINO10°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 08 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Prima della Scala, standing ovation per Mattarella

Attualità sabato 01 febbraio 2020 ore 11:30

Si torna in piazza con le bandiere della pace

Dalla Rete solidale e antirazzista la richiesta a Governo e Parlamento di abrogare i decreti Sicurezza: "Fermare la spirale di violenza"



PIOMBINO — La Rete solidale e antirazzista torna in piazza con le bandiere della pace "per chiedere al Governo e al Parlamento di abrogare i decreti Sicurezza e gli accordi con la Libia perché violano la nostra Costituzione e le Convenzioni internazionali, producono conseguenze negative sull’intera società italiana e ledono la nostra stessa umanità".

Appuntamento sabato 1 febbraio in piazza Cappelletti a Piombino dalle ore 16 alle ore 19.

"Bisogna reintrodurre il permesso di soggiorno per motivi umanitari e la residenza anagrafica per i richiedenti asilo: - hanno detto in una nota - senza documenti i migranti sono condannati all'esclusione e allo sfruttamento, con conseguente aumento della marginalità e del disagio sociale. Bisogna riaprire l’accesso dei richiedenti asilo al sistema di accoglienza integrata e diffusa gestito dai Comuni: questo sistema (ex-SPRAR) prevede percorsi di formazione e inserimento lavorativo, che permettono una positiva inclusione nella società italiana. Mai più morti in mare e persone lasciate per settimane sulle navi: chi rischia la vita in mare deve essere soccorso e fatto sbarcare al più presto in un porto sicuro; e chi soccorre non può essere criminalizzato. Stop ai respingimenti in Libia: annullare gli accordi tra l’Italia e i signori della guerra libici, sulla base dei quali i migranti vengono intercettati in mare e riportati in Libia, dove vengono rinchiusi nei centri di detenzione, in condizioni disumane e sottoposti a violenze e torture".

E si aggiunge: "Fermare la spirale di violenze è responsabilità anche italiana e chiediamo al nostro Governo di farlo con atti concreti: opporsi alla proposta di impiego della Nato in Iraq e in Medio Oriente; negare l’uso delle basi Usa in Italia per interventi in paesi terzi senza mandato Onu; bloccare l’acquisto degli F35; fermare la vendita di armi ai paesi in guerra o che violano i diritti umani come sancito dalla L. 185/90; ritirare i nostri soldati dall’Iraq e dall’Afghanistan, richiedendo una missione di peacekeeping a mandato Onu ed inviando corpi civili di pace; aderire al Trattato per la messa al bando delle armi nucleari eliminandole dalle basi in Italia; sostenere in sede europea la necessità di mantenere vivo l’accordo sul nucleare iraniano, implementando da parte italiana ed europea le misure di revoca dell’embargo; porre all’interno dell’Unione europea la questione dei rapporti USA-UE nella Nato".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Mercoledì 8 Dicembre le due squadre si incontrano dopo 45 anni. La prima volta risale al campionata 1928/1929. Nel 1975 l'amichevole al Magona
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

STOP DEGRADO

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS