Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:59 METEO:PIOMBINO13°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Attualità mercoledì 01 settembre 2021 ore 13:43

Sistemata la panchinona, appello al rispetto

La Big Bench a Calamoresca

Grazie al pronto intervento degli operai della falegnameria del Comune di Piombino la panchinona è stata ripristinata



PIOMBINO — E' tornata più in forma che mai la Big Bench posizionata a Calamoresca e oggetto di vandali. Lo ha fatto sapere il presidente dell'associazione Amici di Vittorio nel gruppo Facebook dedicato. Alla panchinona, ricordiamo, qualcuno aveva grattato via la vernice e provato ad incendiarla (leggi qui l'articolo collegato). Grazie al pronto intervento degli operai della falegnameria del Comune di Piombino la panchinona è stata ripristinata. 

All'intervento di sistemazione è seguito l'appello del presidente dell'associazione e del sindaco Francesco Ferrari al rispetto delle cose e del lavoro degli altri fatto per l'intera città.

"L’atto di vandalismo che ha colpito la Big Bench di Calamoresca è purtroppo soltanto l’ultimo di una lunga serie di gesta stupide e vigliacche da parte di ignoti che da tempo oltraggiano la nostra città e rende necessaria una seria riflessione sul senso civico. - ha sottolineato il sindaco in una nota - Non si tratta infatti di un gesto isolato, ma di un’azione assimilabile all’insieme di atti incivili che Piombino è costretta a subire: danneggiamenti, abbandono di rifiuti, violenza, imbrattamenti, mancanza generale di rispetto per il bene pubblico. E, purtroppo, è un trend che non interessa solo la nostra città ma tutto il Paese. Un’insieme di azioni che hanno una matrice e una vittima comuni: l’inciviltà di pochi individui che si ripercuote in maniera esponenziale sull’intera comunità".

E ha aggiunto: "Il Comune, dal canto suo, può e deve implementare i controlli e sollecitare Sei Toscana affinché intensifichi l’opera di pulizia delle strade: abbiamo già potenziato il sistema di videosorveglianza e stiamo lavorando al nuovo progetto per la pulizia e la raccolta dei rifiuti che sarà attivo già dal 2022, tuttavia la collaborazione e il senso civico dei cittadini restano indispensabili per garantire il decoro urbano che Piombino si merita. Grazie alle fototrappole e all’intensificazione dei controlli, infatti, dal 2018 le sanzioni per gli abbandoni di rifiuti sono quintuplicate e gli abbandoni stessi sensibilmente diminuiti. Tuttavia, è utopico avere sempre spazi pubblici puliti se poco dopo l’intervento degli operatori ecologici qualche sconsiderato passa e sporca di nuovo, così come è impensabile tappezzare ogni angolo della città con telecamere".

"La panchina, i monumenti, le strade, l’ambiente, le aree verdi appartengono a tutti e deturparli significa mancare di rispetto alla comunità intera: pertanto è necessario che i cittadini più virtuosi utilizzino i canali di comunicazione del Comune per segnalare eventuali episodi di illegalità, così da aiutare l’amministrazione a contrastare la diffusione di questo fenomeno, e attuino un’opera di sensibilizzazione tra pari. In tal senso risulta indispensabile educare soprattutto i più giovani, affinché una corretta mentalità si radichi e si tramandi nelle generazioni. Si tratta di un atto di integrità: la buona gestione del decoro pubblico va necessariamente di pari passo con il senso civico dei cittadini", ha concluso Ferrari.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Su #tuttoPIOMBINO di QUInews Valdicornia Gordiano Lupi ricorda la piazza d'un tempo e i ricordi ad essa legati. Foto di Riccardo Marchionni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Politica

Attualità