QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°23° 
Domani 22°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 16 luglio 2019

Elezioni martedì 30 aprile 2019 ore 10:14

"Quella location per la festa del Pd è un errore"

Stefano Ferrini

E' Stefano Ferrini (Spirito Libero) a sollevare il problema sulla scelta della location che sottrae posti auto in piena estate



PIOMBINO — "Può un Comune che vuol fare turismo, che anche dallo studio del piano urbano della mobilità risulta essere carente di posti auto in centro e non avere al contempo parcheggi scambiatori esterni, permettersi il lusso di eliminarne oltre cento in una fine stagione estiva? E può un partito come il Pd ed il suo candidato sindaco Anna Tempestini che dicono di voler fare turismo anteporre il loro, legittimo ben inteso, interesse a quello di una città? Io credo di no". Parole di Stefano Ferrini, il candidato a sindaco di Piombino per la lista Spirito Libero che spera in un cambio di rotta rispetto alle recenti scelte del Partito Democratico per l'organizzazione della tradizionale festa.

"Togliere ben oltre centro posti auto a fine Agosto e per quindici giorni dal parcheggio dell'ex Fonderia Bernardini è un grave errore che spero possa essere rimediato. - ha detto Ferrini - Siamo infatti sempre in periodo estivo, il mercoledì per fortuna il mercatino in Piombino attira ancora molti turisti sparsi nella varie strutture ricettive di tutta la Val di Cornia, vi sono eventi che attirano turisti in città ed i ristoranti lavorano molto anche in quel periodo. Per cui quando fu presentata dal Pd la richiesta di svolgervi la festa comunale, come assessore che si occupava anche di questa cosa, ne parlai in Giunta trovando anche una certa comprensione da parte dei colleghi e posi la questione ai vertici del Pd per cercare di farli recedere. - ha ricordato - Loro mi parlarono dei problemi con la Usl per ripetere l'iniziativa al Parco 8 Marzo e quelli per andare ai giardini Pro Patria, considerati troppo piccoli per le loro strutture. Ci lasciammo con l'impegno da parte loro di prendersi una pausa di riflessione. Siamo arrivati ad oggi e la riflessione non ha portato a cambiare idea perché il calendario sagre e feste approvato dalla Giunta mantiene tale luogo di svolgimento". 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità