Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO16°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 09 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Treviso, incidente deltaplano: il video della tragedia

Politica giovedì 06 luglio 2017 ore 19:30

"Sul punto nascita atti concreti basta propaganda"

"Il punto nascita non si tocca!", all'ennesimo grido degli Amministratori locali la lista civica Un'altra Piombino chiede atti concreti e non propaganda



PIOMBINO — "Come un mantra ricorrente torna l'annuncio della prossima chiusura del reparto maternità di Villamarina e tornano le grida degli amministratori locali contro questa chiusura ormai scontata", così la lista civica Un'altra Piombino torna sulla questione punto nascita e la possibile chiusura se non arriverà la deroga dal Ministero (leggi l'articolo correlato).

"E' dall'approvazione del decreto Balduzzi che questa chiusura è stata annunciata e sulle promesse di deroga si sono svolte campagne elettorali e carriere personali: tutto all'insegna della pura propaganda, dal momento che la chiusura del punto nascita è scritta nel decreto Balduzzi, è scritta nella riforma sanitaria regionale che ne accoglie le prescrizioni ed è scritta nei piani di ristrutturazione che a tale riforma hanno fatto seguito. Tant'è che la direttrice dell'Asl Toscana Nord-Ovest ha annunciato da mesi in una sede istituzionale locale la prossima e inevitabile chiusura del reparto, perché sotto i mille parti/anno 'non risultano garantiti criteri di efficienza e di sicurezza'" (leggi l'articolo correlato). 

A fronte di ciò, la lista civica Un'altra Piombino ha denunciato il rischio del progressivo impoverimento del servizio sanitario locale. "Eppure i nostri amministratori continuano a parlare di 'consolidamento dei servizi ed efficientamento dell'offerta sanitaria' e accusano di populismo e demagogia chi, come Un'Altra Piombino, continua a denunciare la spoliazione del nostro ospedale e la drastica riduzione del servizio territoriale". 

Dopo le recenti dichiarazioni dell'assessora regionale Stefania Saccardi (leggi l'articolo correlato) si torna a gridare "Il punto nascita non si tocca!". Per Un'altra Piombino se il sindaco vuole davvero salvare il reparto "deve chiedere al governo Pd di rivedere il decreto Balduzzi e di investire nella sanità anziché continuare con drastici tagli, deve chiedere alla Regione Toscana Pd di rivedere la sciagurata riforma sanitaria e deve dare le linee per la programmazione sanitaria territoriale, anziché delegarla al direttore generale, il cui compito è solo quello di amministrare il servizio per farlo costare sempre meno. Deve gestire lui, nell'interesse del suo territorio e dei suoi cittadini, la riorganizzazione su due presidi, che sta risultando penalizzante per noi, anziché aspettare che siano i dirigenti tecnici a farlo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Presentato un ordine del giorno per chiedere al Comune di prendere una posizione contro questa ipotesi nelle campagne del borgo
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Politica