Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:56 METEO:PIOMBINO10°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 28 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Variante Omicron, Johnson: «Tampone molecolare e autoisolamento per chi entra in Gran Bretagna»

Lavoro lunedì 23 aprile 2018 ore 16:20

"Territorio ostaggio di promesse"

Un territorio in attesa, quello della Val di Cornia, che cerca in tutti i modi di prendere in mano la situazione. Il punto di Ugl, Camping Cig e Usb



PIOMBINO — "Ancora nessuna certezza per il futuro di quello che un tempo era il secondo polo siderurgico italiano. Certo è comprensibile che un esperto del settore quale Jindal faccia tutte le valutazioni del caso ma sarebbe opportuno che i rappresentanti sindacali fossero coinvolti ed aggiornati sulle tempistiche e sulle difficoltà che oramai, chiaramente, esistono". Così le segreterie provinciali Uglm e Ugl terziario in merito alle sorti dell'acciaierie a Piombino.

Dopo gli ultimi incontri nei giorni scorsi al Ministero dello Sviluppo economico e in Comune, non sono trapelate ulteriori notizie oltre alle indiscrezioni dei giorni scorsi.

"Il confronto dovrebbe essere, intanto, con chi ancora oggi rappresenta un Ministero e sicuramente immediato quando e se ci sarà il nuovo Governo visto che oramai è chiaro: i tempi saranno lunghi. - hanno aggiunto - Le priorità dal canto nostro sono: allungare i tempi della sorveglianza da parte del Governo; esigere un piano governativo per iniziare le bonifiche del Sin e mettere in sicurezza gli impianti che sono a rischio; promuovere con la Regione Toscana azioni mirate come area di crisi complessa. Riteniamo che sia arrivato il momento di far sentire la voce di un territorio che da anni è ostaggio di promesse". 

A questo punto, per il sindacato è più che mai necessario avere un piano preciso "diversificazione e settori mirati per la piena occupazione ma anche per prospettive nuove di un territorio che sopravvive, per la maggior parte, di ammortizzatori". E proprio di ammortizzatori toccherà discutere, visto il dilatarsi dei tempi.

Sulla necessità di chiarezza si era espresso anche il Coordinamento Art.1 - Camping Cig che, a fronte di questo stallo, è tornato a rimarcare la possibilità di un intervento dello Stato. Convinti della situazione drammatica anche l'Unione sindacale di base: "Aferpi non si sa che fine farà, silenzio più assoluto, la Magona Arcelor mittal saltato il progetto di Arvedi per le nuove regole dell'Antitrust, e quindi, per il momento silenzio più assoluto, La Val di Cornia è veramente sul filo del rasoio, per il proprio futuro ma soprattutto per il futuro di migliaia di lavoratori".

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il Prefetto D’Attilio ha firmato due nuovi provvedimenti che riguardano, dopo Livorno, i Comuni di Piombino e Cecina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità