QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 10°17° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 18 novembre 2019

Attualità mercoledì 25 novembre 2015 ore 09:00

Trasporto bombe, interrogazione di Fattori e Sarti

Presentata da Sì Toscana a Sinistra l'interrogazione in cui si chiedono misure per impedire che le bombe passino per i porti e aeroporti della Toscana



PIOMBINO — I consiglieri Tommaso Fattori e Paolo Sarti di Sì Toscana a Sinistra presentano una interrogazione orale urente in merito alla movimentazione di armi nel porto di Piombino e dirette in Arabia Saudita.

I tre tir sono partiti dalla Sardegna con un carico di mille bombe Mk83 prodotte dalla Rwn Italia di Domusnovas (Carbonia-Iglesias) e hanno fatto scalo nel porto piombinese. La denuncia dell’onorevole Mauro Pili ha sollevato l’attenzione verso questi ordigni che presumibilmente verranno usati per colpire la popolazione civile dello Yemen.

Nel merito viene interrogata la giunta della Regione Toscana, chiamata a rispondere sull’eventuale coinvolgimento di strutture militari e/o infrastrutture civili presenti nel territorio toscano, compreso l’aeroporto militare pisano. Inoltre, sulla base della legge 185 del 1990 in cui si vietano le esportazioni di tutti i materiali militari e loro componenti, i due consiglieri chiedono se sono previste azioni per impedire l’utilizzo di postazioni toscane per simili movimenti di armamenti. 

"Non un evento isolato, il passaggio di armi avvien con cadenze regolari nel porto toscano. -spiegano gli esponenti di Sì - Tutto ciò è in contrasto con la Legge italiana che vieta espressamente  le esportazioni di tutti i materiali militari e lo componenti verso i Paesi in stato di conflitto armato, in contrasto con i principi della Carta delle Nazioni Unite".



Tag

Maltempo, il Sieve esonda a Pontassieve: strade allagate e auto sommerse

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità