QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 23°24° 
Domani 21°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 18 luglio 2019

Politica lunedì 23 novembre 2015 ore 09:37

"Fermare il transito di bombe a Piombino"

La città non può essere complice, il Movimento 5 Stelle si unisce alla denuncia del parlamentare sardo Mauro Pili e chiederà spiegazioni al sindaco



PIOMBINO — Un carico di ordigni, partito dalla Sardegna, ha fatto scalo nel porto di Piombino per poi ripartire alla volta dell’Arabia Saudita. La denuncia del deputato sardo di Unidos Mauro Pili è stata raccolta dal Movimento 5 Stelle locale. “Siamo ormai abituati ad una politica che si dimostra cieca e ipocrita di fronte al Dio denaro”, intervengono.

“Ma l'Italia ripudia la guerra, c'è scritto nella Costituzione, - prosegue il Movimento - e siamo vicini al popolo francese. Più vicini di quanto pensiamo. Siamo li, perché è l'industria bellica che fornisce gli strumenti di morte al terrorismo, e quella italiana è fra le più attive e in salute dell'occidente. Non una parola di condanna alla politica nazionale, complice e parte attiva e integrante del subdolo meccanismo di guerra e pacificazione che miete vittime e alimenta terrore da decenni per i popoli”. Il Movimento 5 Stelle chiede coerenza a tutti i livelli nazionali attraverso i propri parlamentari e coerenza chiederà anche alla politica locale.

Il Movimento 5 Stelle non ci sta. “Nel prossimo consiglio comunale chiederemo quindi spiegazioni al sindaco in persona del contributo che anche Piombino, con i nostri soldi e la nostra paura, dà alla situazione di tensione internazionale. – spiegano – Faremo pressione e chiederemo pressione ai livelli superiori dello Stato, pretendendo una condanna unanime, forte e razionale alla politica internazionale, insistendo dove possibile perché il Porto di Piombino, la Città di Piombino, i cittadini di Piombino non prendano mai più parte indirettamente ad alcuna operazione bellica, italiana o straniera che sia, perché di questo si tratterebbe”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Attualità