QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 20°20° 
Domani 17°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 19 ottobre 2019

Lavoro martedì 30 ottobre 2018 ore 09:22

"Ennesima delusione all'incontro al Mise"

Filcams Cgil Livorno ha commentato amaramente l'incontro al ministero per la vertenza Unicoop Tirreno e la cessione di alcuni punti vendita



PIOMBINO — "Ennesima delusione all'incontro di oggi al Mise con Unicoop Tirreno: l'azienda annuncia la cessione di 4 degli 8 punti vendita precedentemente dichiarati, tornando di fatto indietro rispetto alle posizioni prese durante l'ultimo incontro al Ministero", così ha commentato la Filcams Cgil Livorno l'incontro al Ministero dello Sviluppo economico per la vertenza Unicoop Tirreno (leggi qui sotto gli articoli correlati).

"I negozi interessati stavolta sarebbero Aprilia, Frosinone, Pomezia via Cavour e Velletri. - hanno spiegato - Ma le brutte notizie non finiscono qui: contestualmente alla dichiarazione della cessione, viene ribadita dall'azienda l'importanza di ridurre il costo del lavoro, portandolo all'11,5 per cento sul fatturato e, come se non bastasse, aumenta a 15 milioni di euro la cifra da recuperare data la mancata cessione dei restanti 4 punti vendita.

Un'azienda, quindi, che, come al solito, torna sui propri passi, dimostrando nuovamente scarsa credibilità e nessuna soluzione chiara da proporre. - si legge in una nota - Per il Ministero deve esserci la ferma volontà, da parte dell'azienda, di non cedere nessuno dei negozi, altrimenti verrebbe meno l'interlocuzione con le organizzazioni sindacali.

"Ci aspettavamo tutti qualcosa di diverso oggi dall'azienda. Il prospetto asettico dei dati delle perdite degli 8 punti vendita non ci basta. Per noi resta valido ciò che era stato dichiarato nell'ultimo incontro dal direttore generale Piero Canova: resta ferma, quindi, la volontà di abbandonare l'automatismo delle cessioni". Con queste parole, riportate da Filcams Cgil, l'esponente del Ministero ha concluso l'incontro, aggiornandolo al 7 Novembre, data in cui l'azienda dovrà finalmente produrre analisi approfondite e soluzioni credibili. 

Il confronto e un risultato dovrebbe arrivare entro il 30 Novembre.



Tag

Matteo, il bodybuilder «squalificato» alla macchina della verità

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità