QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15°17° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 14 novembre 2019

Politica sabato 28 settembre 2019 ore 16:55

Unione dei Comuni, “goffa provocazione politica”

È il Partito Democratico a Piombino a commentare i contenuti e gli effetti della mozione presentata congiuntamente dalle forze di maggioranza



PIOMBINO — “Una mozione quella presentata al consiglio comunale di Piombino per proporre l’Unione dei Comuni della Val di Cornia che è a metà tra un goffo tentativo di provocazione politica e una evidente confusione rispetto alle questioni amministrative. Si confonde l’Unione dei Comuni con la pianificazione sovracomunale, si dichiarano intenzioni di strategie unitarie per lo sviluppo senza fare alcun riferimento a quali sarebbero queste strategie come se costituire un’Unione di Comuni le facesse magicamente comparire”, così il Pd ha commentato in una nota affidata a Il Tirreno la proposta delle forze di maggioranza in Consiglio (leggi qui sotto l’articolo correlato).

“Tra l’altro le stesse forze che sostengono la maggioranza piombinese sono rappresentate da amministratori che nel mandato precedente hanno osteggiato la condivisione degli obiettivi e dei percorsi comuni e hanno negato qualsiasi tipo di collaborazione costruttiva”, hanno aggiunto ricordando il Piano intercomunale Piombino-Campiglia “per il quale stiamo rischiando di perdere il finanziamento regionale a causa dell’inerzia del Comune di Piombino”. A questo si aggiunge il rinnovo e il rilancio delle attività di Parchi e Rimateria sulle quali, “è evidente, si navighi a vista senza un’idea di prospettiva”.

“Proporre un’Unione di Comuni non può essere motivo per rinviare o adombrare le questioni da affrontare. Invece di teorizzare, si parta dal basso, dando risposte concrete ai nostri cittadini. Si dica chiaramente se si vuole proseguire sul lavoro già fatto senza disperdere tempo e risorse. Soltanto dopo potremo metterci a discutere sullo strumento che può facilitare il raggiungimento di obiettivi comuni e condivisi. Ma si parta da obiettivi e indirizzi altrimenti l’Unione dei Comuni continuerà a essere una scatola vuota, astratta e non rispondente alle necessità dei nostri territori”, hanno concluso.



Tag

Dolomiti, caos e disagi per la neve

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità