Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO11°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Lavoro lunedì 15 marzo 2021 ore 13:51

Douglas a rischio chiusura, stato di agitazione

Bandiera Filcams Cgil

Filcams Cgil: "Ad un anno di pandemia non ancora concluso già deciso di abbattere i costi. Non accettiamo che si recuperi profitto togliendo lavoro"



PIOMBINO — Tocca anche la Valdicornia lo stato di agitazione a seguito della decisione di Douglas Profumerie di chiudere entro Gennaio 2022 128 negozi in Italia, 500 in Europa su 2.400. In Toscana, come fa sapere Filcams Cgil in una nota, per le notizie che abbiamo ad oggi i negozi in chiusura saranno 11 e 36 persone perderanno il lavoro. Al momento risultano coinvolti i negozi di: Poggibonsi (già chiuso), Calenzano, Pisa, Venturina, Navacchio, Montecatini Terme, Piombino, Follonica, Pistoia, Siena e Borgo San Lorenzo.

Una decisione legata al calo di fatturato durante la pandemia e ai costi fissi di gestione e personale.

"Nell’incontro svolto tra le Organizzaioni Sindacali Nazionali e Douglas, nessun piano industriale è stato ancora presentato. - ha commentato Filcams Cgil Toscana - Siamo di fronte ad una multinazionale che non più tardi di due anni fa ha acquisito le profumerie Gardenia e Limoni, garantendosi così fette di mercato importanti, e che, dopo così poco tempo, sceglie in maniera irresponsabile di chiudere. Ad un anno di pandemia non ancora concluso Douglas aveva già deciso di abbattere i costi, il personale in tutta evidenza per loro è solo un costo, non un valore aggiunto".

Le Organizzazioni Sindacali nazionali hanno proclamato lo stato di agitazione, nei vari territori si stanno coinvolgendo le Amministrazioni locali e si sta definendo il programma delle iniziative. Le lavoratrici coinvolte si sono già incontrare da remoto pronte a contestare le chiusure. Intanto è attesa la convocazione per un incontro al Ministero dello sviluppo economico, mentre nel fine settimana i sindacati incontreranno nuovamente l'azienda.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ai casi già noti dalla settimana scorsa, negli ultimi giorni se ne sono aggiunti altri appartenenti allo stesso focolaio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Lavoro

Attualità