QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 11°16° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 15 novembre 2019

Attualità lunedì 08 febbraio 2016 ore 15:41

Memoria e futuro della città del ferro

I ragazzi intervisteranno genitori e nonni per ricostruire storie ed esperienze legate al lavoro e alla vita sociale della città



PIOMINO — In questa fase socio-economica delicata per Piombino è sempre più importante ricordare ai giovani l’identità metallurgica di questa città che estrae e lavora il ferro e i metalli dai tempi degli Etruschi e poi nel corso del Medioevo e dell'Età Moderna e Contemporanea. Per questo gli insegnanti Paola Grillo e Paolo Marongiu, assieme a tutto il consiglio della classe 2H della scuola media Guardi, avviano il progetto “Piombino: memoria e futuro della città del ferro. La siderurgia spiegata ai ragazzi”.

Il progetto mira a creare un’identità consapevole legata alla memoria siderurgica e industriale del territorio attraverso un percorso di conoscenza fornito dal rapporto con esperti e dal vissuto di familiari, amici e parenti; ma anche fornire i nessi interculturali finalizzati a una conoscenza delle complessità dei fenomeni sociali, culturali ed economici del periodo attuale.

Il primo appuntamento si svolgerà martedì 8 febbraio, dalle ore 10.15 alle ore 12.10 con Michele Colavitti e il tema “Metodologie di ripresa con cellulari e reflex”. Proseguono gli interventi “Produzione del ferro a Piombino nel corso dei secoli” il 16 febbraio con Angelo Nesti, “3d e beni culturali” con Paolo Cignoni il 23 febbraio, “Dove la fabbrica funziona. Confronto tra realtà europee e italiane: l’austriaca Voestalpine, la tedesca Thyssenkrupp, l'italiana Arvedi” con Adriano Bruschi il primo marzo, "Prospettive della siderurgia a Piombino e indagine sociale" con Giorgio Pasquinucci l’8 marzo.

A chiudere il ciclo di incontri l’appuntamento del 15 marzo con il giornalista Giorgio Pasquinucci che assieme alla classe intervisterà l’operai sindacalista Mirko Lami. Ai ragazzi sarà poi chiesto, a fronte delle competenze acquisite, di realizzare interviste, scritte o videoregistrate, a genitori e nonni per ricostruire storie ed esperienze legate al lavoro e alla vita sociale della città.



Tag

Venezia, danni alla Basilica di San Marco: la cripta allagata

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità