Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:49 METEO:PIOMBINO20°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 17 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Mbappé, Yamal e Scamacca: chi sono i giocatori più attesi a Euro 2024

Elezioni martedì 21 maggio 2024 ore 13:27

"Contrastare decadenza e insicurezza"

Giuliano Parodi

Progetto Piombino: "Combattere il degrado. Urgente individuare soluzioni per riportare la città ad un livello di decoro e vivibilità ottimali"



PIOMBINO — "La campagna elettorale sta prendendo una piega che non condividiamo e che crediamo poco interessi agli elettori: offese, denigrazioni, diatribe e vendette personali non fanno altro che alimentare la confusione dei cittadini e distrarre dalle proposte e dalle problematiche che dovrà affrontare chi si candida a governare Piombino nei prossimi cinque anni", così il candidato a sindaco di Progetto Piombino Giuliano Parodi aprendo la discussione su criticità e soluzioni.

“Piombino è una città il cui senso di comunità è eroso dalla contrapposizione sociale alimentata dai partiti e in cui regna un degrado urbano che ormai è sotto gli occhi di tutti e che contribuisce ad alimentare fenomeni di insicurezza sociale. - ha spiegato - I giardini pubblici del centro cittadino, non più accessibili, versano in uno stato di abbandono totale, pensiamo al Pro Patria, ai giardini dell'Arsenale diventati deposito di sedie e tavoli, il giardino delle tartarughe già da tempo chiuso ed adesso non più praticabile, aree urbane, non solo periferiche ma anche centrali come via Fiume o i portici presentano situazioni di degrado dovute alla mancanza di interventi anche minimi come il taglio dell'erba o la manutenzione stradale, la famigerata rivoluzione dei rifiuti ha generato aree in cui costantemente si accumulano rifiuti per la scarsa presenza di cassonetti, da Montemazzano a Colmata gli esempi sono numerosi, e persino luoghi di pregio come il Castello, che non ha più una gestione continuata ma la cui apertura è legata esclusivamente a eventi e mostre occasionali, tra l'altro non pubblicizzate a livello nazionale o almeno regionale, o le aree costiere del Parco della Sterpaia o di Baratti, in cui le passerelle per i disabili e le aree parcheggio richiedono interventi di manutenzione non più rimandabili, sono lo specchio di una scarsa attenzione verso tutto ciò che è bene pubblico”.

“Gli esempi sono molti - hanno proseguito da Progetto Piombino - ma non vogliamo limitarci a stilare un elenco delle problematiche: è urgente invece individuare soluzioni per riportare la città ad un livello di decoro e vivibilità ottimali. Per far questo l’azione di governo dovrà concentrasi su più livelli in contemporanea: è cioè necessario lavorare sia sull’immediato, per portare la città ad un livello ottimale di decoro generale e di qualità dei servizi essenziali, che in prospettiva futura adottando una pianificazione territoriale improntata allo sviluppo ed al benessere duraturo per la cittadinanza”.

“Intervenire in maniera decisa alla riqualificazione di spazi di libera riunione cittadina è pertanto un'urgenza da affrontare sin dal primo insediamento del nuovo governo cittadino. - ha concluso Giuliano Parodi - Sarà quindi importante sia procedere a stipulare accordi chiari di gestione/adozione degli spazi verdi che garantiscano aperture continuate e vigilanza delle aree pubbliche, che provvedere con la massima urgenza a rimettere a bando la gestione di aree verdi come i Giardini Pro Patria che possono rappresentare un fattore importante anche dal punto di vista dell’attrattività turistica della città: siamo certi infatti che garantire una migliore vivibilità degli spazi pubblici per i residenti abbia un effetto positivo anche sulla percezione dell’accoglienza cittadina da parte di visitatori e turisti”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno