comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 19°24° 
Domani 18°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 25 settembre 2020
Giani
863.595
 
48.62%
Ceccardi
718.625
 
40.46%
Galletti
113.692
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.668
 
2.23%
Barzanti
16.061
 
0.90%
Catello
16.992
 
0.96%
corriere tv
A Lipari il tradizionale Sposalizio dei Faraglioni con una proposta di nozze e il ricordo di Lorenza

Attualità lunedì 18 febbraio 2019 ore 15:09

Al cinema per combattere le mafie con Libera

Tre gli appuntamenti al cineteatro Verdi in attesa della Giornata nazionale della memoria e dell'impegno per le vittime delle mafie



SAN VINCENZO — Il Comune di San Vincenzo insieme al Presidio di Libera Rossella Casini di San Vincenzo/Castagneto Carducci hanno organizzato un ciclo di proiezioni di film in preparazione del 21 marzo Giornata nazionale della memoria e dell'impegno per le vittime innocenti delle mafie.

I film scelti affrontano i temi della criminalità organizzata, delle mafie, del caporalato e dell'informazione. Le proiezioni si svolgeranno al CineTeatro Verdi di San Vincenzo, ad ingresso libero, con inizio alle 20,45.

Il primo appuntamento è quello di martedì 19 febbraio con The Harvest (2017), regia di Andrea Paco Mariani. Un film sulla vita delle comunità Sikh stanziate nella zona dell'Agro Pontino e il loro rapporto con il lavoro e con i fenomeni di caporalato. Un docu-musical che, per la prima volta, unisce il linguaggio del documentario alle coreografie delle danze punjabi, raccontando l’umiliazione dei lavoratori sfruttati dai datori di lavoro e dai caporali. 

Le proiezioni successive sono: martedì 5 marzo Nato a Casal di Principe (2017), regia di Bruno Oliviero, la storia di una comunità in ostaggio permanente della camorra, rapita dalla normalità e relegata alla finzione per nascondere il malessere; martedì 12 marzo con La corsa de L'Ora (2018), regia di Antonio Bellia, un documentario che ripercorre la storia del quotidiano palermitano, impegnato nella denuncia della mafia, durante la direzione di Vittorio Nisticò tra il 1954 e il 1975.

“Un momento di riflessione sociale e culturale che rappresenta una necessità per esprimere vicinanza ai familiari delle vittime. - ha commentato la vicesindaca Maria Fabia Favilla - Insieme all’Associazione Libera cerchiamo di combattere il fenomeno mafioso in tutte le sue articolazioni criminali e intimidatorie che rendono meno libero il nostro Paese”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica