Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:59 METEO:PIOMBINO24°29°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 15 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Siccità grave anche in Germania, i livelli del fiume Reno ai minimi storici

Politica martedì 18 settembre 2018 ore 13:45

"Reti idriche colabrodo"

Foto di repertorio

Il capogruppo di Forza Italia Maurizio Marchetti diffonde i dati sulla dispersione idrica. "Gli investimenti del gestore non soddisfano Ait"



SASSETTA — C'è anche Sassetta tra i Comuni maglia nera stando al report sulla dispersione idrica prodotto da Forza Italia. A presentare i dati è il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti che ha condotto in proprio uno studio che elabora, aggregandoli per aree e per gestore per poi acquisire le valutazioni Ait sugli investimenti programmati sulle reti, i dati Istat dell’ultimo censimento acque per uso potabile, quello diffuso a fine Dicembre 2017 su rilevazioni condotte nel 2015, scorporando quelli della Toscana.

Ma il quadro fotografato in tutta la Val di Cornia non è dei più rosei. 

"Nel territorio provinciale livornese si verifica una dispersione idrica del 38,94 per cento. - ha detto il consigliere Marchetti - Dinanzi a questi dati il gestore, Asa Spa, investe in una misura che non soddisfa l’Autorità idrica toscana (Ait) al punto da spingerla ad avanzare 'qualche dubbio sulla possibilità di assicurare livelli di servizio accettabili'. Perché mi sono messo a far di conto in questa maniera? - ha aggiunto - Ma perché appunto l’affidamento del servizio idrico integrato corre verso le scadenze ed è doveroso aprire un ragionamento efficace sulla materia".

Dal risultato generale al particolare della provincia livornese, illustrato nel report del consigliere capogruppo in Regione di Forza Italia, i numeri cambiano. 

Nel territorio comunale di Sassetta le tubazioni lasciano andar via il 72,95 per cento di acqua, a Piombino, Suvereto e San Vincenzo invece circa la metà di quella erogata, mentre a Campiglia Marittima il 60,75 per cento.

"Dati che fanno impressione. - ha concluso Marchetti - A sinistra sento parlare di ripubblicizzazione. Anche io mi colloco su questa posizione, non foss’altro che nel rispetto dell’esito del referendum con cui i cittadini hanno espresso questo tipo di volontà. Ma acqua pubblica può voler dire tante cose. Il modello di holding regionale prospettato dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi non ci convince. Pensiamoci con serietà, informiamoci e poi la maggioranza ci dia una proposta su cui lavorare e riflettere. Noi qualcosa da dire l’avremo, ma la responsabilità è prima di chi governa".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La denuncia dell’assessore alla Sanità del Comune di Piombino Carla Bezzini: “Non si dimettono più le persone nelle ore notturne”
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Attualità