Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO10°14°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Antartide, un enorme iceberg (grande come Roma) si è spezzato in due

Politica lunedì 04 gennaio 2021 ore 20:05

Il borgo vuole un nuovo distretto sanitario

Assemblea Popolare invoca una presa di posizione unitaria del Consiglio comunale in merito alla variante e contesta il silenzio dell'Asl



SUVERETO — Assemblea Popolare invoca l’intervento regionale e una posizione unitaria del Consiglio comunale per il distretto sanitario del borgo. La giunta intanto ha avviato il procedimento di variante del Regolamento urbanistico individuando l’area sulla quale l’Asl dovrebbe progettare e costruire il nuovo distretto, ritenendo l'attuale struttura e relativi servizi insufficiente.

"Sulla scia dell’emergenza sanitaria, che ha dimostrato l’importanza della medicina territoriale, è inaccettabile la sordità dell’Azienda Sanitaria Asl di fronte alle denunce sullo stato dei servizi erogati nel distretto di Suvereto e alla richiesta del Comune di realizzare un nuovo distretto nel paese", ha commento la lista di maggioranza ricordando come già da mesi la sindaca Jessica Pasquini aveva ufficialmente manifestato la preoccupazione alla direzione sanitaria e all’assessore regionale alla sanità. 

"Nel mese di Maggio l’Amministrazione comunale chiese la riattivazione dei servizi sospesi e ridotti durante il lockdown, in particolare la riapertura dell’ufficio amministrativo e di tutti i servizi offerti nel distretto, dalle analisi nella loro completezza, alla presenza della ostetrica e dell’assistente sociale. - hanno spiegato in una nota - A niente sono valse nemmeno le richieste di incontro alla direzione sanitaria. A Luglio nuove rimostranze e richieste perché i problemi non erano ancora risolti e la cosiddetta Bottega della salute appariva insufficiente a coprire i mancati servizi. In Agosto all’iniziativa del Comune di Suvereto si è unito anche il Comune di Monteverdi, con una lettera congiunta dei due sindaci che di nuovo segnalavano il depotenziamento dei servizi territoriali, chiedendo la riattivazione e una nuova progettualità sui distretti. Inoltre dopo i disagi estivi per le lunghe attese all’aperto coi cittadini costretti sotto il sole, a Ottobre era stato almeno installato un gazebo, anche questo dopo ripetute richieste andate a vuoto. Ora questo gazebo è stato addirittura tolto, così le attese sono al freddo e alla pioggia".

"Tutti questi aspetti, oltre ad evidenziare l’incapacità aziendale di dare risposte adeguate ai territori, confermano ormai l’inadeguatezza degli attuali locali ad ospitare il distretto socio-sanitario. - hanno aggiunto - Per questo la giunta comunale ha dato corso a una variante del regolamento urbanistico individuando l’area sulla quale l’Asl dovrebbe progettare e costruire il nuovo distretto. Ciò è stato comunicato alla direzione della società della salute, ma anche su questo l’Asl risponde col silenzio".

"Questo comportamento della Asl è grave e inaccettabile. - hanno commentato - La salute è un diritto fondamentale dei cittadini ed è uno dei punti centrali del programma di Assemblea Popolare, per cui invochiamo l’intervento regionale sull’azienda sanitaria e sulla società della salute affinché assuma un atteggiamento più attento e ricettivo ai bisogni del territorio. Altrimenti non resta che la mobilitazione, a partire da una dura presa di posizione unitaria del Consiglio comunale, già informato dal sindaco sull’argomento".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità