Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:35 METEO:PIOMBINO20°21°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 14 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Euro 2024, quali sono le squadre favorite per la vittoria

Attualità giovedì 28 settembre 2023 ore 17:55

Sacoi 3, Ministero autorizza il collegamento

Giuseppina Di Foggia, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna

Il progetto prevede il potenziamento dell’attuale collegamento elettrico sottomarino tra Sardegna, Corsica e Penisola italiana con approdo in Toscana



SUVERETO — Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha autorizzato il progetto definitivo del Sa.Co.I. 3, il cavo elettrico sottomarino in corrente continua a 200 kV di Terna che collegherà la Sardegna, la Corsica e la Toscana, con una capacità di trasporto complessiva fino a 400 MW. 

L’opera, per la quale Terna ha previsto un investimento complessivo di circa un miliardo di euro, prevede l’ammodernamento e il potenziamento dell’attuale collegamento elettrico, denominato Sa.Co.I. 2, risalente all’inizio degli anni ’90. L’opera originale tra la Sardegna e la Toscana entrò in servizio alla fine degli anni ‘60, e fu il primo collegamento ad alta tensione a 200 kV in corrente continua al mondo. Nel 1988 con la costruzione di una terza stazione di conversione a Lucciana, in Corsica, fu realizzato il primo collegamento multiterminale ad alta tensione in corrente continua. Il collegamento, una volta entrato in esercizio, contribuirà al rafforzamento del mercato elettrico europeo, favorendo lo sviluppo delle fonti rinnovabili e l’aumento della capacità di trasporto tra il Centro Nord e le Isole, con una conseguente maggiore affidabilità e sicurezza della rete elettrica di trasmissione nazionale.

“Il collegamento elettrico tra Sardegna, Corsica e la Penisola italiana è un’opera infrastrutturale storica per l’Italia e la Francia: il suo rinnovo, per il quale Terna investirà circa un miliardo di euro, è un progetto di assoluta eccellenza tecnologica che contribuirà a rafforzare il ruolo del nostro Paese di hub energetico dell’Europa e del Mediterraneo. Una rete efficiente e interconnessa a livello europeo consente di accelerare il processo di transizione energetica in corso e di raggiungere gli obiettivi fissati a livello comunitario”, ha dichiarato Giuseppina Di Foggia, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna. 

“Il rinnovo e potenziamento del collegamento tra Italia Sardegna e Corsica è un progetto di grande rilevanza non solo per l’approvvigionamento della Corsica, ma anche per il sistema elettrico italiano. Contribuirà a rafforzare l’adeguatezza del sistema elettrico della Sardegna, soprattutto in vista dell’obiettivo del phase-out dal carbone fissato nel PNIEC 2019 e confermato da questo Governo nell’aggiornamento del Piano”, ha dichiarato il Ministro Gilberto Pichetto Fratin.

In Toscana, ricordiamo, il progetto prevede l’approdo di due cavi marini di collegamento con la Corsica nell’area di Salivoli, nel Comune di Piombino, due cavi terrestri in corrispondenza dell’approdo dei cavi marini, una stazione di conversione nel Comune di Suvereto. Complessivamente la posa dei nuovi cavi sottomarini dell’opera, per una lunghezza totale di 120 km, e dei cavi interrati, di 20 km dagli approdi alle stazioni elettriche, verrà realizzata utilizzando, dove possibile, l’infrastruttura esistente. Invece per i punti di approdo del cavo si prevede di ricorrere alla tecnica della perforazione teleguidata, che consentirà di ridurre l’interferenza con la flora marina e l’impatto dei lavori sul litorale.

La stazione di conversione di Suvereto, che sorgerà adiacente all’esistente stazione senza ulteriore consumo di suolo, verrà realizzata secondo il progetto dallo Studio Pierattelli Architetture di Firenze vincitore del contest architettonico indetto da Terna nel 2020 in accordo con l’amministrazione comunale. L’edificio sarà perfettamente integrato con il territorio, grazie all’utilizzo di finestre modulari in terracotta, materiale tipico del luogo, e alla presenza di piante autoctone, come olivi, cipressi e pini, che creeranno continuità con il paesaggio agricolo adiacente. Tale iniziativa si inserisce nella strategia di Terna di attenzione al territorio, che si manifesta anche con il costante confronto che l’Azienda porta avanti con amministrazioni locali e cittadini. In particolare, in Toscana le attività di consultazione con il territorio relative al collegamento Sa.Co.I.3, sono iniziate nel 2018 attraverso tre appuntamenti con le comunità di San Vincenzo, Suvereto e Piombino e si sono concluse nel 2022 con l’ultimo incontro a Suvereto.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
De Rosas e Cento (Pd): "Chi come il sindaco Ferrari doveva assicurare la ripresa economica, si è abbandonato a facili slogan"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Lavoro

Politica