Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:12 METEO:PIOMBINO18°24°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Thiago Motta e il viaggio on the road in motocicletta, da Bologna a Cascais in Portogallo: il video girato dalla moglie

Sport lunedì 27 febbraio 2023 ore 10:18

​Un grande Piombino si sbarazza del Sant’Andrea

Foto di Patrizio Avella

La partita chiude 2-0. Il Sant’Andrea arranca, quindi cede sotto i colpi ficcanti di un attacco piombinese ben disposto. Il commento di Gordiano Lupi



PIOMBINO — Piove in quest’ultima domenica di febbraio. Piove sui cipressi e sui pini marittimi. Piove sulle tegole rosse del tetto dello Stadio Magona. Piove al fischio d’inizio del primo spareggio salvezza, a sei domeniche dal termine, in una giornata fredda e ventosa, sotto un rigido vento di maestrale che fa urlare e biancheggiare il mare. Spettatori abbastanza numerosi, vista la stagione, stretti sotto il tetto della piccola tribuna prefabbricata in gradinata, uniti da un sol grido e dal canto degli ultras che accompagna una partita bella e combattuta. 

Il Piombino vince con il cuore, ma pure con la tecnica, ché la superiorità dei nerazzurri è palese per tutta la gara; il Sant’Andrea arranca, quindi cede sotto i colpi ficcanti di un attacco piombinese ben disposto, sostenuto da un centrocampo sicuro e da una difesa all’altezza della situazione. Brontolone schiera Fiaschi tra i pali, Politi e Pagni difensori di fascia, Castellazzi e Carelli centrali, Bartolini e Biondi sulla linea mediana, Paggini a ridosso delle punte, Barchi centravanti di manovra, Paini e Mori attaccanti. La miglior formazione possibile, viste le assenze per squalifica di Gargini e Martelli (che è in tribuna, poco distante da noi, a sostenere i compagni). Il Piombino affronta la gara con la mentalità giusta e la dovuta concentrazione, lo dimostrano subito Paini e Paggini che avrebbero due buone occasioni nei primi cinque minuti, la seconda fermata da un dubbio fuori gioco. I nerazzurri imbastiscono buone manovre d’attacco, nonostante il campo pesante e la pioggia battente, mostrano buone individualità, schemi semplici ma efficaci, ottima preparazione atletica. Paggini segna un quasi gol (come avrebbe detto Carosio), secondo arbitro e assistente il portiere para prima che la palla superi la linea, ma il primo gol è rimandato solo di un istante, ché al 17’ ci pensa Paini (in gran forma) a realizzare con una mezza rovesciata da campione. Il Piombino non si accontenta, al 24’ assistiamo a un ottimo scambio Barchi - Paini che non va a buon fine solo perché l’attaccante viene colpito duro dal diretto avversario ed è costretto a uscire per infortunio. Peccato, perché il giovane attaccante si stava muovendo bene e poteva continuare a far male alla non troppo accorta difesa biancoceleste. Tra l’altro pare che si tratti di una sublussazione del femore e i tempi di recupero non saranno brevissimi. Il Piombino comunque raddoppia in dieci uomini, mentre si sta scaldando Turco per prendere il posto di Paini: tocca a un rapido e opportunista Mori correggere in rete una deviazione di Comparini su tiro di Pagni. Primo tempo dominato dal Piombino che non permette agli ospiti (squadra più esperta ma più lenta e meno dotata tecnicamente) di passare la metà campo, con nuove occasioni create da Mori, Barchi e Paggini, infine da Turco che tira in porta ma il portiere para. Nel secondo tempo il Sant’Andrea cerca di rialzare la testa, Demasi e Caminero rilevano Dichiara e Battistini, ma è ancora Mori a dettare legge in area avversaria e a sprecare una buona occasione da rete dopo sette minuti. Al 13’ Lelli subentra a Toninelli e dopo un minuto Fiaschi è chiamato al primo intervento di una certa difficoltà per salvare la propria rete, ma sono ancora Turco, Mori e Paggini a farsi pericolosi e a rischiare di portare a tre i gol nerazzurri. Al 25’ un prudente Brontolone fa entrare Sonnini al posto di un ottimo Barchi, per difendere al meglio il vantaggio, purtroppo il centrale piombinese si infortuna dopo appena un minuto (stiramento muscolare) ed è costretto a lasciare il campo al giovane Talocchini. 

Il Sant’Andrea ha solo una buona occasione, al 27’, ma Amorevoli spreca e calcia fuori un cross di Bruni. Finale tutto piombinese con una punizione dal limite calciata da Paggini e nuove incursioni di un onnipresente Mori che davvero non si risparmia in fase di recupero e di attacco. Al triplice fischio finale del modesto Marino di Pisa (coadiuvato da assistenti pasticcioni), la gioia in campo è incontenibile e i ragazzi di mister Brontolone vengono sotto la tribuna a prendere i meritati applausi. 

Operazione riaggancio riuscita, adesso il Piombino è a punti 26, in zona un poco più tranquilla, ma nelle prossime 5 gare serviranno almeno 7 punti per essere sicuri della salvezza. Una squadra che gioca con la determinazione e la sicurezza di oggi, comunque, non deve aver paura di niente e può solo stupire in positivo. Uliveto aspettaci. Stiamo arrivando. E non per bere acqua oligominerale, ma per far punti…

Tabellino

Atletico Piombino: Fiaschi (6,5), Politi (7), Pagni (7), Bartolini (7), Castellazzi (7), Carelli (7), Paini (8) (Turco, 6,5), Biondi (7), Barchi (7) (Sannino, ng – Talocchini, 6,5), Paggini (7,5), Mori (8). A disposizione: Cappellini, Papa, Scuglia, Diagne.

Sant’Andrea: Comparini, Brasini, Battistini (Caminero), Amorevoli, De Michele, Grotti, Bruni, Toninelli (Lelli), Cosimi, Prati, Dichiara (Demasi). A disposizione: Cogno, Angeli, Gatti, Gobbi, Filippi.

Arbitro: Marino di Pisa (6) - Assistenti: Scellato di Prato (6) e Cerino di Lucca (5)


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si chiama “Il filo della Storia” ed è una pittura murale di 24 metri per 6 ed è stata realizzata dai ragazzi dell'Accademia di Belle Arti di Firenze
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Cronaca