QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14°16° 
Domani 13°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 19 novembre 2019

Politica venerdì 08 aprile 2016 ore 17:15

Sul trasporto scolastico c'è molto da discutere

Foto di repertorio

L'opposizione prende come un affronto la mancata presenza alla riunione di commissione. Ma sull'argomento si tornerà in consiglio



CAMPIGLIA MARITTIMA — La lista civica Comune dei Cittadini e il Movimento Cinque Stelle Campiglia Marittima hanno presentato un ordine del giorno riguardante il trasporto scolastico e oggi si sarebbe dovuta riunire la commissione. Ma i consiglieri del Pd non c’erano.

Con una convocazione fatta 15 giorni fa, la mancata presentazione della maggioranza viene ritenuta un boicottaggio di un’istituzione e di una grave mancanza di rispetto verso le minoranze e i cittadini tutti. “E’ la conferma che il Pd considera l’istituzione come cosa propria permettendosi di scegliere se presenziare o meno, - proseguono - dimenticandosi che la presenza nelle commissioni non è discrezionale, ma un obbligo istituzionale che i cittadini si aspettano che sia rispettato. Come se non bastasse, la convocazione della commissione non era neanche stata pubblicata sull’albo pretorio come il regolamento prevede”.

La commissione era stata convocata visto che a giugno scadrà il contratto di servizio per il trasporto scolastico e la riunione della commissione sarebbe servita ad arrivare, insieme alla maggioranza, ad una soluzione per migliorare il servizio.

“Troppi sono stati in questi anni i casi di disagi più o meno gravi segnalati dai cittadini riguardo questo servizio, - proseguono le opposizioni - a ciò si è sommato un difficile rapporto tra dipendenti e la cooperativa Job is Life, i quali denunciavano la mancanza di sicurezza in alcuni mezzi, nonché l’assenza della documentazione necessaria per il trasporto, ed infine il ritardo nel pagamento degli stipendi”.

Nella proposta che sarà fatta l’11 aprile in consiglio comunale la possibilità di inserire nel prossimo bando il requisito primario che le ditte che parteciperanno abbiano un parco mezzi adeguato, con età non inferiore al 2010, che ai dipendenti venga applicato il contratto collettivo nazionale degli autoferrotranvieri e che venga inserita una clausola di salvaguardia per gli attuali dipendenti. 



Tag

Bologna, rubano bancomat alle Poste e intascano un milione: 3 arresti

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità