Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PIOMBINO18°30°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 20 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Inginocchiati o ti sparo»: il video de Il Foglio della lite al ristorante di Albino Ruberti, capo gabinetto di Gualtieri

Attualità domenica 26 giugno 2022 ore 14:03

"Grave carenza di personale, l'Asl intervenga"

Foto di repertorio

Per Simone Assirelli, coordinatore sanità Fp-Cgil Livorno, e Marusca Guarguaglini, rsu ospedale Cecina, mancano almeno 15 infermieri a Cecina



CECINA — "Per rispondere in modo ottimale e rapido alle esigenze di cura e assistenza delle persone che si rivolgono all'ospedale di Cecina serve un importante incremento del personale. Le criticità legate alle carenze di organico diventano ancora più evidenti nel periodo estivo: il sovraffollamento del pronto soccorso registrato in questi giorni ne è la prova. Con l'inizio dell'estate e dunque con l'arrivo dei turisti l'ospedale e il pronto soccorso devono far fronte ad un progressivo aumento degli accessi. Senza contare la necessità di coprire i turni del personale in ferie. L'Asl al momento non ha comunicato nessun incremento dell'organico ospedaliero: tutto ciò è inaccettabile".

Parole di Simone Assirelli, coordinatore sanità Fp-Cgil Livorno, e Marusca Guarguaglini, rsu ospedale Cecina, rispetto alla situazione dell'ospedale di Cecina.

"Inconcepibile che per far fronte al sovraffollamento del pronto soccorso si debba attingere dal personale dei reparti di Medicina e di Rianimazione. - hanno proseguito - Serve un'inversione di rotta. Secondo i nostri calcoli servirebbero almeno 15 infermieri in più. La carenza di personale non riguarda però solo il personale infermieristico. Nel reparto Cardiologia mancano ad esempio tre medici, in Chirurgia ne mancano due. Ricordiamo inoltre che Ginecologia al momento è sprovvista di primario: il reparto è guidato da un facente funzione. A preoccupare è anche la pesante carenza di anestesisti: la conseguenza è che il blocco operatorio riesce a garantire le urgenze senza però riuscire a smaltire le lunghe liste d'attesa degli interventi meno urgenti. Anche il numero di fisioterapisti andrebbe incrementato in modo sensibile. Stesso ritornello per quanto riguarda i tecnici per la prevenzione. Registriamo purtroppo criticità anche a Rosignano: da incrementare il numero di addetti all'assistenza domiciliare". 

"La sanità locale ha necessità di maggior personale per poter rispondere in maniera adeguata ai bisogni dei cittadini: da parte dell'Asl ci aspettiamo pertanto un intervento concreto in tempi rapidi", hanno concluso.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il provvedimento è stato adottato dalla sindaca di Campiglia Marittima a seguito dell’allerta meteo del Centro Funzionale Regionale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità