QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 23°25° 
Domani 23°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 20 luglio 2019

Attualità venerdì 15 maggio 2015 ore 16:18

Le proposte di Libera contro il gioco d'azzardo

Il Presidio Rossella Casini si rivolge alle Amministrazioni e agli Enti pubblici locali con alcune proposte per combattere il fenomeno



CASTAGNETO CARDUCCI — A seguito degli studi e dei convegni organizzati e del crescente interesse degli organi d'informazione per la comprensione dei fenomeni e delle problematiche derivanti dalla diffusione sempre più larga del “gioco d'azzardo legalizzato”, considerata la conseguente necessità di sviluppare iniziative di prevenzione e cura degli effetti del gioco d’azzardo (per quanto legalizzato dallo Stato) in ambito socio/sanitario, economico, della legalità e culturale, il Presidio di Libera “Rossella Casini” di Castagneto Carducci e San Vincenzo ha elaborato alcune proposte rivolte alle Amministrazioni e agli Enti pubblici locali:

In particolare Libera propone di: riconoscere l'esistenza del problema, di conseguenza sensibilizzare la cittadinanza, attraverso convegni, iniziative e progetti rivolti alle scuole, con coinvolgimento delle ASL locali e delle Associazioni, sull'uso consapevole del denaro e sulle problematiche derivanti dalla diffusione del “gioco d'azzardo” in tutte le sue versioni (sale, esercizi pubblici, internet), così come sui rischi derivanti dall'infiltrazione di organizzazioni criminali in questo settore.
Inoltre, suggerisce di controllare periodicamente il rispetto della normativa nazionale e regionale vigente (rispetto delle distanze minime dai luoghi sensibili, controllo sulla presenza del materiale informativo sul divieto al gioco ai minori e sulla normativa asl, verifica della presenza di luoghi distinti per Videolottery e numero dei giochi presenti in relazione agli spazi disponibili).
C'è poi la necessità di incentivare la rimozione dei giochi con vincita in denaro dai locali dove sono installati facendo leva sulle tasse locali (IMU/TARI ecc), da affiancare alla riduzione Irap già prevista dalla legge della Regione Toscana. Inoltre è opportuno secondo l'associazione pubblicizzare il Logo NoSlot sul sito istituzionale e “mappatura”dei luoghi sensibili.
Libera propone poi ai Comuni di approvare una delibera nella quale prevedere, come regola generale, in tutti i bandi di affidamento in gestione di immobili della PA il divieto di installazione di “giochi” con vincita in denaro. C'è poi quella di limitare, con Ordinanza sindacale, l'orario di apertura al pubblico delle Sale gioco (vedi Comune Milano) e limitare/proibire le pubblicità di apertura, funzionamento delle Sale giochi e delle vincite fuori e dentro i locali che vendono "giochi d'azzardo" (vedi Comune di Genova).
Infine il presidio suggerisce di aderire, come Enti pubblici (Comuni, scuole, ecc) alla campagna nazionale “Mettiamoci in gioco”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Politica