QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15°19° 
Domani 11°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 22 settembre 2019

Lavoro giovedì 18 aprile 2019 ore 10:02

Aferpi, i punti di Uglm dopo le parole di Rossi

La mancata convocazione all'incontro regionale non ha trattenuto il sindacato a fare una serie di puntualizzazioni sulle questioni Aferpi



PIOMBINO — "Dalla stampa abbiamo appreso dell'incontro tra il presidente della giunta, l'assessore a formazione e lavoro, tecnici della Regione, sindaco e vicesindaco di Piombino. A differenza delle altre organizzazioni la nostra sigla non è stata convocata al tavolo nonostante la vertenza Aferpi sia sempre stata portata avanti dai sindacati presenti in azienda, come pure gli accordi sottoscritti al Ministero". A segnalarlo è la segreteria provinciale Uglm in una nota dopo l'incontro dei giorni scorsi per la stesura di un accordo di programma regionale per accelerare gli investimenti Aferpi.

"Ci fa sorridere ogni volta, visto che non si tratta di un episodio isolato, che chiediamo spiegazioni di questo atto irrispettoso del mandato di rappresentanza sindacale si utilizzi l'alibi della richiesta di incontro pervenuta da alcune organizzazioni sindacali. Quella di Aferpi è una tematiche che va avanti da anni con gli stessi attori. Chissà se gli altri che hanno partecipato all'incontro hanno dovuto chiedere di essere invitati", hanno sottolineato.

L'Uglm per quanto riguarda la variante per il nuovo treno rotaie ha le idee molto chiare non trascurando che "tra poco più di un mese ci saranno le elezioni a Piombino e spetterà alla nuova amministrazione adottare le varianti per le quali sarebbe opportuno conoscere in toto il piano industriale Aferpi". 

"Seppure gli investimenti siano importanti e fondamentali occorre approfondire il progetto anche dal punto di vista logistico e se previsti smantellamenti di impianti. - hanno spiegato - La seconda questione è quella relativa alla discarica a fianco dell’azienda". 

Rispetto alle dichiarazioni del presidente Rossi sulla necessità di riservare la discarica ai flussi di materiale locale necessari per il risanamento ambientale e il trattamento dei residui di lavorazione locali, per l'Uglm occorre fare chiarezza. 

"Una discarica a servizio del territorio, come risposta alle esigenze del SIN, era la mission iniziale del progetto di Rimateria. Oggi - hanno ricordato - i fatti hanno dimostrato ben altro". 

"Sulle aree assegnate ad Aferpi, che potrebbero tornare in disponibilità del Comune e sul fatto che il presidente si sia offerto nel ruolo di facilitatore ai tavoli romani, per forme di restituzione al territorio, riteniamo che sia necessario un approfondimento oltre a rilevare che questa politica del baratto sia da legare a progetti precisi e non ridotto ad un semplice scambio di figurine. - hanno aggiunto - In merito all'incontro specifico con l’assessore al lavoro e formazione, che sembrerebbe da tenersi a breve, sul tema delle attività di pubblica utilità per il personale non utilizzato in azienda, come organizzazione sindacale chiederemo immediatamente l'incontro con l'assessore di riferimento. Chissà se in tal modo riusciremo ad evitare di dare di nuovo l'alibi della mancata richiesta di incontro. Occorre che sia data possibilità a tutta la rappresentanza sindacale di partecipare democraticamente agli incontri".



Tag

Virginia Saba, la fidanzata di Di Maio, ai giornalisti: «Ad agosto dovevate riposare, non lavorare»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

Attualità