Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:53 METEO:PIOMBINO14°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 27 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Intervista con Curcio (Protezione civile): «In Italia censite 625 mila frane, l'evento di Ischia difficile da prevedere»

Attualità venerdì 04 novembre 2016 ore 14:06

Quando il fiume Cornia ruppe gli argini

Foto: Archivio Storico Piombino (da Facebook)

Dalla pagina social il Comune di Piombino e l'archivio storico della città ricordano quel 4 novembre, cinquant'anni dopo l'alluvione



PIOMBINO — "Alle ore 5 del mattino del 4 novembre 1966 il fiume Cornia ruppe gli argini, pochi minuti dopo le case di campagna furono inondate. La massa d’acqua interessò le zone di Montegemoli, di Campo all’Olmo, della Rinsacca a valle delle Fabbricciane fino a Colmata estendendosi verso il mare e allagando le abitazioni fino a Ponte d’Oro".

Così dalla pagina Facebook il Comune ricorda l'alluvione del 1966 che inondò la Toscana, senza risparmiare la Val di Cornia.

Dettagliato il ricordo proposto dall'archivio storico della Città.

"Lo straripamento che colpì la nostra zona sembrò scomparire di fronte alla grave situazione in cui vertevano le città di Firenze, Grosseto, le zone del Val d’Arno e delle altre regioni d’Italia, ma cessata la pioggia ed eliminato il pericolo per la vita delle persone i danni furono ingenti", si legge nel tratteggio offerto sul profilo social dell'archivio.

A fornire dati più dettagliati sulla conta dei danni è un opuscolo conservato presso il fondo della Camera del Lavoro nell'archivio piombinese. Campiglia Marittima e Piombino registrarono danni per oltre 700 milioni alle abitazioni, ai beni, al bestiame, alle aziende commerciali e artigiane, alle piccole imprese e alle opere pubbliche.

Non mancò la solidarietà di operai e giovani che si unirono agli amministratori, alle associazioni, ai vigili del fuoco, ai netturbini, alla Carovana Facchini e alle guardie di pubblica sicurezza per fornire soccorso in primo luogo e aiuto.

E' sul web, sui profili del più famoso social network, che le persone ricordano quel giorno riportando alla memoria spaccati di vita.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ascolta Piombino ha depositato una mozione, dove s’impegna l’amministrazione a sedere al tavolo delle trattative per le compensazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

RIGASSIFICATORE

Attualità

Attualità

Attualità