Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:22 METEO:PIOMBINO19°24°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 15 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Londra, Kate Middleton e la famiglia reale si affacciano dal balcone di Buckingham Palace

Politica giovedì 18 novembre 2021 ore 18:07

“Bocciato riconoscimento emergenza ambientale”

A sinistra: “Rigettato il riconoscimento dell’emergenza climatica ed ambientale e gli impegni affinché Piombino facesse la sua parte per il Pianeta”



PIOMBINO — La maggioranza che in Consiglio comunale sostiene il sindaco Francesco Ferrari ha bocciato la mozione nata dal Fridays for Future Piombino, presentata dal Gruppo Consiliare Pd Piombino e Anna Per Piombino e alla quale hanno dato il proprio appoggio tutti partiti di opposizione presenti in Consiglio al momento.

“In sostanza, - ha spiegato l’associazione A Sinistra - bocciando la mozione il sindaco Ferrari e la sua maggioranza in Consiglio hanno rigettato il riconoscimento dell’emergenza climatica ed ambientale e gli impegni affinché anche Piombino facesse la sua parte nel salvare il Pianeta attraverso i seguenti impegni”.

Tra le proposte l’adesione al Patto dei Sindaci per il Clima e l'Energia, il riconoscimento delle responsabilità storiche del cambiamento climatico, L ’impegno nell’ambito delle proprie competenze a contenere l’aumento della temperatura globale entro 1,5 e l’azzeramento delle emissioni di gas che alterano il clima entro il 2030, la priorità al contrasto del cambiamento climatico nelle azioni amministrative messe in atto, di farsi portavoce istituzionale presso le altre istituzioni territoriali, a partire dalla Regione Toscana e dal Governo della Repubblica.

Inoltre, richiesta la ricezione anticipata della direttiva COM/201B/340 relativa alla plastica monouso almeno per la stagione estiva 2022, l’estensione del 10% annuo del fotovoltaico sulle superfici di tetto sfruttabili, la riqualificazione energetica del 10% annuo per tutti gli edifici, con l'obiettivo di gestirli in modo cime-neutrale entro il 2030, l’obbligo e incentivazione dell'uso di energie rinnovabili nelle zone industriali.

“Gli interessi politici di bottega della maggioranza hanno sacrificato la salvaguardia dell’unica vera casa che abbiamo: la Terra”, hanno commentato.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno