Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:57 METEO:PIOMBINO16°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 13 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Europei Atletica, Italia oro nella 4x100 maschile: la gara

Lavoro giovedì 06 settembre 2018 ore 18:14

Consiglio di fabbrica, la Rsu scalpita per Roma

Dopo i primissimi segnali di ripartenza targati Jindal, i sindacati si sono confrontati sulle questioni da risolvere con l'azienda e con il Governo



PIOMBINO — Si è riunito il primo Consiglio di Fabbrica Aferpi e Piombino Logistic della proprietà e gestione Jindal. Un incontro che è servito ai sindacati per fare il punto della situazione dopo l'arrivo della nuova proprietà. 

Il primo momento di entusiasmo e speranza segnato dall'arrivo della prima nave di semiprodotto, è arrivato il momento per i sindacati di mettere sul tavolo i punti che generano ancora preoccupazione. Stiamo parlando della richiesta di garanzie di proroga degli ammortizzatori sociali sia sulla durante dell'intero piano industriale che sul loro valore economico. A questo si aggiunge anche la sempre più critica situazione dell'indotto. Per questo è stato sollecitato un incontro urgente con il ministro Di Maio ricordando anche l'impegno preso dal senatore De Falco e dal sottosegretario Galli per una celere convocazione al Ministero del Lavoro.

"Quella è per noi la sola sede per ottenere le necessarie garanzie. - ha commentato la Uilm in una nota - A breve scadranno gli ammortizzatori sociali di varie vertenze di altre grandi aziende italiane e sarà più chiaro come questo Governo intende salvaguardare i posti di lavoro in Italia e nella siderurgia. Senza risposte - hanno aggiunto - metteremo in atto le adeguate iniziative e ricordiamo che per il rinvio di una convocazione fu occupata la sede del Comune e portammo 10 pullman di lavoratori sotto il Ministero a Roma. Come Uilm chiediamo di avere quanto prima le date di ripartenza anche del treno vergella e del treno barre perché con un'adeguata e corretta rotazione del personale potrebbero rientrare in stabilimento molti altri lavoratori da troppo tempo inattivi".

Durante la riunione è stato posto l'accento sul fatto che da una parte l'azienda intenda ridurre i costi e che dall'altra chieda degli straordinari a fronte di migliaia di lavoratori in attesa di rientrare in stabilimento.

"Sul fronte interno con la ripresa delle attività e il progressivo riavvio degli impianti I lavoratori stanno riscontrando alcune difficoltà di natura operativa. - hanno puntualizzato dalla Fiom - Come Organizzazioni Sindacali sapevamo di dover affrontare vari problemi che fino a pochi giorni fa sembravano ed erano di secondo piano in quanto lo stabilimento era fermo: (acqua calda, disinfestazione negli spogliatoi, orario autobus, sicurezza nei reparti). Su questi problemi le Rsu vigileranno e pretenderanno rispetto delle norme e degli accordi".

Uilm, nella sua nota, ha rimarcato come l'acciaio rappresenti per Piombino un settore determinante per l'economia soprattutto vista la questione del porto dove stentano a partire di progetti di cantieristica e di General Electric e, notizia recente, la perdita di traffici e posti di lavoro dopo la decisione di Moby per la Sardegna.

Per Fim, in sintesi, due le strade parallele da seguire: una con il Governo per discutere degli ammortizzatori sociali in scadenza a Dicembre e l'altra con l'azienda per la gestione del personale.

"Il nostro compito è quello di spingere giorno dopo giorno, passo dopo passo l'azienda al compimento per intero del suo piano industriale, ritenendo indispensabile tornare a colare acciaio quanto prima. - si legge nella nota Fim - Siamo molto preoccupati per il mancato insediamento sul porto di quelle aziende che servivano a portare a Piombino anche quella diversificazione che da troppi anni si sente annunciare ma mai realizzare. Con l'allungamento dei tempi - hanno concluso - insieme a quelle aziende si perdono 200/300 posti di lavoro che potevano riguardare quelle persone e figure professionali che oramai un posto di lavoro non lo hanno più".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il 32enne di Piombino ha perso la vita nell'incidente avvenuto sull'autostrada A12 tra Carrara e Sarzana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cultura