QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14°25° 
Domani 14°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 20 giugno 2019

Attualità mercoledì 13 febbraio 2019 ore 16:24

"Questa discarica scatena molti, troppi appetiti"

Il Comitato Salute Pubblica ha esternato preoccupazione sul contenzioso aperto tra Navarra e Unirecuperi per il secondo pacchetto azionario Rimateria



PIOMBINO — "Piombino è ormai terra di conquista", così il Comitato Salute Pubblica ha commentato il contenzioso tra Navarra e Unirecuperi per l'acquisizione del secondo lotto di azioni Rimateria. "Evidentemente - hanno aggiunto - un polo nazionale per il trattamento dei rifiuti, quale vogliono farci diventare, scatena molti, troppi appetiti".

"Non hanno voluto concedere il referendum per bloccare la vendita del secondo gruppo di azioni di Rimateri portando come motivazione il fatto che l’aggiudicazione provvisoria a Navarra era già avvenuta e invece viene fuori che non hanno ancora stipulato il contratto di cessione a Navarra. Anzi, oggi Unirecuperi diffida Asiu dal vendere a Navarra appellandosi ad un presunto diritto di prelazione stabilito dall’art. 9 dello statuto di Rimateria. E in tutto questo, i nostri amministratori stanno zitti", si legge in una nota del Comitato preoccupata per la possibilità che il 60 per cento delle azioni possa essere controllato da un unico privato mettendo a rischio il controllo pubblico.

"L’assemblea straordinaria dei soci Asiu è convocata per dirimere la questione Navarra-Unirecuperi. Si sta profilando un importante contenzioso legale che conferma ciò che noi andiamo dicendo sin dall’inizio: Rimateria non ha niente a che vedere con le bonifiche. È semplicemente una enorme discarica che Piombino ha svenduto a società private che gestiscono da anni il traffico di rifiuti provenienti da tutta Italia e che ora si stanno contendendo, consapevoli degli enormi profitti che potranno ricavarne. Quindi: non è vero che Rimateria servirà alle bonifiche. Non è vero che il suo ampliamento è necessario per la costruzione dei forni elettrici. Avete bisogno di una dimostrazione più chiara di questa? E neanche le pale eoliche serviranno ai forni elettrici, ma figuriamoci! I nostri amministratori del Partito Democratico hanno avuto un solo obiettivo, quello di nascondere e ripianare l’enorme debito accumulato da Asiu".

Di questo e degli altri aspetti legati alla questione Rimateria si discuterà nell'assemblea pubblica del 15 Febbraio alle ore 21 presso il Centro Giovani in vista della manifestazione fissata per il 23 Febbraio in piazza Cappelletti.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Cronaca

Attualità

Attualità