Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO22°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 06 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, Speranza: «Unico strumento per chiudere questa stagione difficile»

Attualità giovedì 30 gennaio 2020 ore 09:09

"Non autorizzare la ripresa dei conferimenti"

Lo chiede, In attesa che i lavori prescritti non siano effettuati, il Comitato Salute Pubblica in una nuova lettera indirizzata alla Regione Toscana



PIOMBINO — Il Comitato Salute Pubblica torna a scrivere alla Regione Toscana per sollecitare la messa a norma della discarica Rimateria in località Ischia di Crociano a Piombino. Già a metà gennaio il Comitato aveva scritto una lettera rivolta all'assessora regionale all'Ambiente Federica Fratoni (leggi qui la lettera), ora una nuova missiva inviata al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, all'assessora Fratoni, al presidente del consiglio regionale Eugenio Giani e alla Direzione Ambiente ed Energia settore Bonifiche e Autorizzazioni Rifiuti, nonché a Comune di Piombino, Arpat e Asl.

Nella lettera si chiede di non autorizzare la ripresa dei conferimenti di rifiuti speciali nella discarica dopo lo stop co seguente alla diffida regionale per la messa a norma.

"La Regione Toscana ha prescritto alla società Rimateria di ottemperare a numerosi fondamentali obblighi a tutela della sanità dei cittadini e della vivibilità delle aree circostanti la discarica; - hanno ricordato nella lettera - parte di tali obblighi avrebbero dovuto essere assolti entro il 31/01/2020, quali: attivazione dell’aspirazione del biogas nei settori B e C e misurazione del livello di percolato nei pozzi di captazione del biogas; attivazione del sistema di aspirazione e trattamento aria nel capannone; attivazione delle procedure per l’impianto del percolato. Risulta ancora non ottemperata la prescrizione di avviare, entro il 25/11/2019, il posizionamento dei sistemi di copertura in modo da evitare la diffusione del biogas e delle emissioni odorigene che rendono invivibili le aree circostanti la discarica, e che, a seconda della direzione dei venti, raggiungono anche la città e le zone più distanti".

Di fronte a questa situazione, il Comitato conclude chiedendo di "non autorizzare la ripresa dei conferimenti fino a che i lavori prescritti non siano stati effettuati in quanto la società Rimateria, sebbene abbia prodotto varie lettere di intenti, si è dimostrata non affidabile, e ciò è dimostrato dalle continue diffide ricevute a partire dal 2011, dal sequestro del 2018 e soprattutto dal fatto che non è mai stata a norma e che ancora non lo è".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lo ha fatto sapere la Regione Toscana nell'ambito dei finanziamenti stanziati per i porti toscani. L'inizio lavori previsto per il 2023
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Sport

Attualità