comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15° 
Domani 12°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 08 aprile 2020
corriere tv
Milano, i dipendenti raccontano cosa è accaduto al Trivulzio: «Ci hanno detto di non usare le mascherine»

Politica domenica 23 febbraio 2020 ore 16:41

"Effettuare non solo promettere la messa a norma"

Il M5s ricorda la mozione approvata dal Consiglio comunale in cui si chiede alla Regione lo stop dei conferimenti fino a fine lavori di messa a norma



PIOMBINO — "La Regione, che sembrava aver finalmente aperto gli occhi, puntando il dito sull'infinita serie di prescrizioni mai ottemperate e aveva intimato a RiMateria 'basta: non sarà conferito nient'altro finché non vi sarete messi a norma', ha improvvisamente fatto marcia indietro. Dopo aver bloccato l'attività dell'azienda con un atto di sospensione che doveva arrivare fino a giugno, dopo aver messo dei vincoli schiaccianti sulla tipologia di rifiuti di cui era ammesso il conferimento, la Regione Toscana si è inspiegabilmente rimangiata tutto".

E' il Movimento 5 Stelle di Piombino a sottolineare questo aspetto. "Questa decisione, guarda caso, arriva giusto alla vigilia del tavolo di crisi annunciato dall'azienda e dai sindacati per discutere del destino dei suoi lavoratori. - hanno aggiunto - Almeno, questa è l'unica novità di cui siamo a conoscenza. È successo qualcos'altro che possa giustificare questo cambiamento di posizione della Regione? Perché la Regione ha deciso di dare nuovamente fiducia a un'azienda che non ha accantonato quanto previsto dalla legge per il post-mortem, non ha riciclato le scorie siderurgiche, che invece aveva dichiarato essere il suo principale obiettivo, non ha realizzato reti di monitoraggio, coperture, pozzi di captazione, gestione del percolato, insomma, ha sempre lavorato in barba a moltissime delle prescrizioni vigenti e non ha rispettato le prescrizioni delle autorizzazioni ricevute. A noi la logica di questa decisione francamente sfugge. Quella stessa logica che invece i soci privati devono aver avuto subito ben chiara, visto che hanno deciso di rimanere anche se avevano tempo fino allo scorso 31 dicembre per rinunciare all'acquisto delle quote avvalendosi della clausola contrattuale che avrebbe permesso loro di essere risarciti del capitale versato. Chi avrebbe accettato, altrimenti, di correre il rischio di comprare una discarica sull'orlo del fallimento?".

"Come M5S abbiamo fatto approvare in Consiglio comunale una mozione per chiedere alla Regione di bloccare i conferimenti finché non fossero stati effettuati, e non solo promessi, i lavori di messa a norma. Ci è stato detto che l'Amministrazione ha inoltrato in Regione questa mozione e ne siamo orgogliosi". Ora però, i pentastellati, vogliano sapere cosa hanno intenzione di fare il sindaco e la sua giunta.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Politica