Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:53 METEO:PIOMBINO15°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sale su una piattaforma proibita per scattare un selfie e precipita nel vuoto: morta un’influencer russa

Politica mercoledì 22 marzo 2023 ore 12:12

"Preoccupati per il destino della fabbrica"

Riccardo Gelichi

Gelichi (Ascolta Piombino): "Sorge un dubbio: che in questa momento storico si pensi, magari senza dirlo troppo, che la siderurgia non si vuole più"



PIOMBINO — "I sindacati sono preoccupati per il destino della fabbrica e dei lavoratori le cui speranze sono appese a un nuovo piano industriale con veri investimenti. Anche i lavoratori dovrebbero preoccuparsi, perché la scadenza degli ammortizzatori sociali è sempre più vicina. Tolte le dichiarazioni, i vari incontri istituzionali e informali, la luce in fondo al tunnel è un lumicino". 

Parole di Riccardo Gelichi (Ascolta Piombino), che domanda se le istituzioni stanno ancora e davvero lavorando per dare un futuro allo stabilimento siderurgico piombinese.

"Il ministro Urso, che ancora non ha proposto alcuna data d’incontro con i rappresentanti dei lavoratori, ci ripropone il datato e famoso, si fa per dire, Patto per Piombino, nove pagine d’intenti, più un programma elettorale che un atto propedeutico a qualcosa di concreto. - ha commentato Gelichi - Però questo documento contiene qualcosa che ha una valenza politica, che lo stesso sindaco ha riproposto nelle sue ultime dichiarazioni sulla stampa". 

Gelichi si riferisce all'idea di liberare spazi attualmente inutilizzati da Jsw e inutili anche in vista del rilancio dell'impianto, bonificarli e metterne una parte a disposizione di piccole e medie imprese e un'altra per la produzione di energia pulita.

"Noi non abbiamo mai percepito un costante interesse di Ferrari sulla vertenza ex Lucchini, come non abbiamo mai sentito dire da questa maggioranza che la siderurgia a Piombino è ancora strategica, poiché nonostante sia in crisi, quei 24 milioni di euro di cassa integrazione sostengono ancora la nostra economia. - ha proseguito Gelichi - Abbiamo letto invece dichiarazioni protese a un cambiamento in senso turistico che se auspicabile, è ancora oggi sulla carta e molto limitato per la grandezza del contesto piombinese. Ci preoccupa che sia scomparso dai radar Arvedi. Lo ricordate? Così come paiono sparite le possibili partecipazioni statali nel nuovo piano industriale. Allora non ci meravigliano le dichiarazioni del ministro Urso, che si entusiasma per nove fogli d’intenti. Mentre ci sorge un dubbio: che in questa momento storico, dove sembra tramontata la gloriosa tradizione del ferro piombinese, con un pezzo di città rivolta verso un altare green colmo di propaganda e disinformazione, si pensi, magari senza dirlo troppo forte, che la siderurgia non si vuole più".

"Perché se così non fosse, per trasparenza, andrebbe dichiarato, subito dopo bisognerebbe lavorare per la realizzazione concreta di quel nuovo piano industriale che darebbe una risposta ai lavoratori della fabbrica; non solo, la sua definizione aiuterebbe a capire quali aree si potrebbero liberare, creando quegli spazi tanto auspicati per un diverso sviluppo economico", ha concluso Gelichi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Camping Cig: "Unire le lotte di tutti i lavoratori e dei cittadini di Piombino in una unica vertenza che ha come controparte il Governo"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Lavoro