Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO11°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Politica mercoledì 21 aprile 2021 ore 12:34

"Soluzioni per permettere a tutti di lavorare"

Fratelli d'Italia: "Dopo più di un anno inaccettabile non aver trovato misure adeguate a garantire sicurezza e sopravvivenza di interi comparti"



PIOMBINO — Solidarietà, a quanti hanno manifestato martedì mattina a Piombino per chiedere la riapertura delle attività o ristori certi e congrui, è arrivata anche da Fratelli d'Italia.

"Esprimiamo piena solidarietà a chi, da più di un anno, chiede al Governo di poter lavorare. - si legge in una nota - Quella a Piombino è stata una manifestazione pacifica che ha coinvolto i ristoratori, e non solo, del nostro territorio che da troppo tempo subiscono le conseguenze economiche causate dalla pandemia. Ci uniamo al loro grido di giustizia, alle loro legittime richieste di garanzie e adeguati sostegni da parte del Governo: da più di un anno assistiamo alla continua apertura e chiusura delle attività con poche ore di anticipo; ora deve arrivare il momento della chiarezza".

"Dopo più di un anno è inaccettabile che non si siano trovate misure adeguate a garantire la sicurezza e, al contempo, la sopravvivenza di interi comparti della nostra economia. Siamo vicini a coloro che in questi mesi hanno subito le conseguenze di una gestione inadeguata di questa emergenza che, vista la durata prolungata, avrebbe consentito di programmare interventi e protocolli di sicurezza più puntuali e meno approssimativi. E’ arrivato il momento, dopo mesi di attesa e di chiusure disorganizzate, che si trovino delle soluzioni concrete e che permettano a tutti di poter tornare a lavorare. Dietro ogni attività chiusa ci sono imprenditori, dipendenti, intere famiglie che di quell’entrata vivono: non possiamo permettere che continuino a vivere nell’incertezza e, in alcuni casi, alle soglie della povertà".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ai casi già noti dalla settimana scorsa, negli ultimi giorni se ne sono aggiunti altri appartenenti allo stesso focolaio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Lavoro

Attualità